Home
Chi siamo
Pellegrinaggi di carità
Adozioni a distanza
5 per mille
Vangelo del giorno
Messaggio del 25 del mese
Come accogliere il messaggio(p.Slavko)
Messaggio a Mirjana
Omelia di p. Marinko
Video storico del 1983
Medjugorie: foto
Enfants de Medjugorje
Incontri di preghiera
Alberto Bonifacio: testimonianze
Quattro raccolte di meditazioni
Apparizioni mariane
Papa Francesco
Encicliche
 
Furgoni_incolonnati_alla_dogana_di_Kamenskopiccola
 

              PELLEGRINAGGI DI CARITA':  

Settembre 2019.

* Dall’11 al 15.9.2019. Alberto e Paolo con i due furgoni A.R.PA. di Pescate (LC), Antonio col furgone della Caritas di Finale Emilia (MO), nonché ben otto furgoni e un pulmino del Gruppo Missionario della Parrocchia di Torre Boldone (BG) con Ezio e altri 24 volontari. In totale: 11 furgoni, 1 pulmino e 30 persone. Appena usciti dall’Italia, un problema sul mio furgone ci fa perdere un’ora e mezza: ha ceduto il cerchione di una ruota posteriore. Alle 21 arriviamo a Kosute, vicino a Trilj, dopo 854 km, accolti fraternamente da Suor Zorka e Suor Salutarija. Ottima cena e camere per tutti 30, il massimo che puo’ ospitare questa bella e nuova casa.

* Giovedì 12.9.2019. Una breve preghiera nella bellissima cappella e poco dopo le 8 partiamo per raggiungere dopo mezz’ora la dogana di Kamensko, tra la Croazia e la Bosnia. Un’ora per le pratiche dello spedizioniere e i controlli della dogana e raggiungiamo in mezz’ora Livno per la dogana interna. Superate anche queste formalità, ci portiamo nella vicina Casa di spiritualità delle Suore Ancelle di Gesù Bambino dove ci aspetta Suor Sandra e anche Padre Petar Drmic, già arrivato da Bukovica col fratello gemello Stipe. Scarichiamo aiuti per i poveri seguiti da Suor Sandra e nel furgoncino di Fra Petar per i poveri della sua parrocchia. Lasciamo anche le offerte per diverse Sante Messe. Poi Fra Petar ci celebra la S. Messa, felice di incontrarci, ma triste perché Fra Antony, che gli è come fratello, è corso in Australia perché il papà sta molto male. Dopo il rinfresco offertoci da Suor Sandra, ci dividiamo: tutto il gruppo di Torre Boldone punta sulla Bosnia centrale, mentre i nostri due furgoni e quello di Antonio si portano a Medjugorje dove arriviamo alle 15. Qualche piccolo scarico e la partecipazione alle funzioni serali, compresa l’adorazione eucaristica dalle 19 alle 20. Seguiamo gli 8 furgoni e il pulmino che, sotto la guida di Ezio, dopo 118 km. giungono a Vitez e salgono al Pensionato anziani San Giuseppe per scaricare un primo furgone e salutare Suor Genoveva e Suor Admirata. Intorno alle 18 raggiungono la bella Casa Annunciazione a Gromiljak accolti da Suor Kata e Sorelle. Subito scaricano qui un secondo furgone per i tanti poveri della zona, poi cena e riposo. Suor Kata informa di un fatto preoccupante: molti se ne vanno all’estero per cercare di migliorare la vita. In un anno se ne sono andate ben 41 famiglie del solo paese di Gromiljak.

* Venerdì 13.9.2019. E’ arrivato Padre Franjo Radman dal seminario francescano di Visoko, che alle 6 celebra la S. Messa per il gruppo. Anche lui conferma l’esodo di tante famiglie croate. Gli lasciano offerte per SS. Messe e poi si portano a Fojnica nel grande ospedale psichiatrico Drin. Li riceve Amela, scaricano un furgone e possono constatare i continui progressi di questo ospedale. Raggiungono poi l’ospedale psichiatrico di Bakovici, dove invece pare che il tempo si sia fermato. Scaricano un altro furgone. Si recano poi nel monastero delle Clarisse di Brestovsko per lasciare a Suor Giacinta e Sorelle aiuti per i poveri che bussano alla loro porta. Una volta presa la statale che da Sarajevo si porta a Mostar, arrivano al terzo grande ospedale psichiatrico a Pazaric, dove lasciano il carico di un altro furgone. Anche questa volta c’è un direttore nuovo. Chissà perché qui i direttori non durano più di qualche mese… Superata Mostar, prendono la strada per Stolac per portare aiuti all’ospedale psichiatrico. L’accoglienza è gelida e le impressioni sono pessime. Non c’è il direttore e devono aspettare più di un’ora perché arrivi uno che sembra responsabile del magazzino. Tempo passato in balia di alcuni malati mentali, alcuni dei quali anche violenti, altri tutti sporchi, altri sdraiati che dormono per terra. Abbandonati a sé stessi. Intorno alle 20 riescono ad arrivare a Medjugorje. Alcuni loro furgoni e il pulmino hanno invece raggiunto Sarajevo per scaricare un furgone all’Associazione Sprofondo per tutti i suoi progetti, accolti da Hajrija e con un incontro anche con il frate parroco dell’attigua nuova chiesa di S. Francesco. Un altro furgone lo scaricano alla Caritas Diocesana nel quartiere di Stup. Arrivano a Medjugorje poco dopo gli altri.

Cosa abbiamo fatto noi con i 3 furgoni? Alle 8 eravamo al memoriale poco prima di Mostar, dove ci aspettava Dervo. Questa volta non abbiamo il supporto di Djenita perché ha dovuto accompagnare due fratellini a Genova che saranno operati ai piedi. Saliamo a Nevesinje entrando nella Repubblica serba di Bosnia e alla Croce Rossa scarichiamo soprattutto i 210 pacchi famiglia confezionati buona parte dai nostri volontari nel magazzino di Pescate e in parte da Mirella e amici di Finale Emilia. Lasciamo anche pannoloni, scarpe ed altro. Soprattutto ho portato due scatoloni di medicine specifiche per tanti malati poveri che non hanno i soldi per comprarle. In Bosnia non c’è l’assistenza sanitaria pubblica come da noi e chi non ha soldi, non puo’ accedere alle medicine, ad un medico, ad un ricovero ospedaliero… niente. Quasi tutte le medicine le abbiamo dovute comprare e la spesa è notevole, tanto più che di offerte ne riceviamo sempre meno. Speriamo che qualche amico torni ad aiutarci, altrimenti… Dopo una ventina di km. giungiamo nel villaggio di Postoljani dove lasciamo per i vari villaggi della zona quanto abbiamo di sfuso. In poco più di un’ora scendiamo a Mostar per andare al Pensionato anziani. Djenita ci aveva girato la richiesta del direttore per una carrozzina per disabile elettrica e i nostri amici di Bolzano l’hanno trovata e ce l’hanno anche portata. La consegnamo al signor Kevelj Asim che è completamente privo di ambedue le gambe e ci ringrazia felice assieme al direttore. Lasciamo anche tanti pannoloni. Dopo una visita ed una preghiera nella bella chiesetta del Monastero ortodosso di Zitomislici, arriviamo a Medjugorje in tempo per portare qualche aiuto al Campo della Gioia (ragazze di Suor Elvira) e alle ragazze madri di Majka Krispina. Poi seguiamo le funzioni della sera che si concludono con un’ora di venerazione alla Croce.

*Sabato 14.9.2019. Alle 8 saliamo con tutto il gruppo la Collina del Podbrdo pregando e dando qualche informazione storica ai 7 amici che sono qui per la prima volta. Alle 11 siamo in una chiesa piena per la S .Messa in italiano. Nel pomeriggio gli amici di Torre Boldone scaricano le ultime cose al Pensionato anziane di Suor Paolina a Ljubuski, dove era passato anche Antonio ieri. Noi le ultime cose le lasciamo al Majcino Selo (Villaggio della Madre) assieme ai documenti di scarico per l’Uffico Medjugorje-Mir che ci ottiene i permessi per portare aiuti in Bosnia. Alle 17 iniziano le funzioni serali e dalle 21 alle 22 l’adorazione eucaristica.

* Domenica 15.9.2019. Alle 7 siamo alla S. Messa parrocchiale e conventuale nella chiesa di Medjugorje strapiena. Molti sono fuori. Subito dopo iniziamo il nostro viaggio di ritorno mentre rileggiamo e meditiamo il ricchissimo messaggio che la Gospa ha dato il 2 settembre a Mirjana. Dice tra l’altro: ”… Riconoscete che mio Figlio è vostro Dio, centro della vostra vita. Offritegli i doni che più ama: l’amore verso il prossimo, la misericordia e i cuori puri…” Chiediamo il tuo aiuto, o Maria, per saper dare a Gesù questi doni e per essere degni di portare quel nome che Tu ci hai dato: “Apostoli del mio amore”. A Vicenza i nostri due furgoni prendono la Valdastico fino a Thiene perché i nostri amici veneti hanno tante cose da darci. Così riempiamo ancora i furgoni. Grazie!

PROSSIME PARTENZE: 8/10 – 13/11 – 5/12 – 27/12

 

 

A.R.PA. Associazione Regina della Pace onlus - Via S. Alessandro, n. 26 - 23855 Pescate (LC)

Telefono /Fax 0341/368487 - Codice fiscale   92043400131


 

Site Map