Home
Chi siamo
Pellegrinaggi di carità
Adozioni a distanza
5 per mille
Vangelo del giorno
Messaggio del 25 del mese
Come accogliere il messaggio(p.Slavko)
Messaggio a Mirjana
Omelia di p. Marinko
Video storico del 1983
Medjugorie: foto
Enfants de Medjugorje
Incontri di preghiera
Alberto Bonifacio: testimonianze
Quattro raccolte di meditazioni
Apparizioni mariane
Papa Francesco
Encicliche
 
Furgoni_incolonnati_alla_dogana_di_Kamenskopiccola
 

              PELLEGRINAGGI DI CARITA':  

Maggio 2022

* Dal 18 al 22.5.2022 Gianluca dell’Associazione “A Braccia Aperte con Maria” di Cuorgnè (TO) con 8 furgoni. Partiamo in 18: Gianluca, Michele, Francesco, Cristina, Piercarlo, Giuseppina, Giovanni, Aurelio, Luciano, Ida, Maurizio, Renato, Susanna, Riccardo, Anita, Giuseppe, Valeria e Fabrizio. E’ l’ottavo convoglio della nostra Associazione con le limitazioni covid, anche se in questo momento non ci sono più praticamente problemi.

* Mercoledì 18.5.2022. Alle 16,30 il ritrovo è a Castellamonte. Partiamo subito in direzione Ivrea, dove recuperiamo Beppe e Renato che ci hanno raggiunti da Ciriè. All’autogrill di Verona-Bauli troviamo Ida, che una volta all’anno almeno partecipa con noi a questi convogli. Il nostro gruppo è al completo. A Mosor ultimo autogrill prima della dogana croata, ci aggreghiamo al gruppo di Torre Boldone (Bg) con altri 5 furgoni e 10 pellegrini. In tutto saremo 13 furgoni e 28 persone.

* Giovedì 19.5.2022. Da poco passata la mezzanotte attraversiamo il confine con la Slovenia. Anche questa volta troviamo tutti i distributori chiusi. Al piccolo distributore di Materija facciamo rifornimento. Attraversiamo quindi il piccolo tratto di Slovenia e entriamo in Croazia. Tra le 2 e le 3 un po’ di riposo. Ci rimettiamo in viaggio e intorno alle 7,30 arriviamo a Mosor dove abbracciamo Ezio e gli amici di Torre Boldone. Al confine croato troviamo molti autoarticolati. Partiamo subito e poco prima delle 8,30 arriviamo alla dogana. Riusciamo a passare subito alla pesa, ma poi il doganiere non vuole farci passare in quanto ritiene che dovremmo avere un foglio doganale per ogni furgone e non come si è sempre fatto un unico foglio per tutto il convoglio. Provo in inglese a persuaderlo dicendogli che sono anni e centinaia di convogli gestiti tutto allo stesso modo con gli stessi documenti. Non c’è verso! Ci fa stare lì fermi parcheggiati sotto un sole cocente fino alle 11,30. Verso le 11,00 cerchiamo un pochino d’ombra e ci riuniamo per pregare il Rosario e pochi minuti dopo averlo terminato ci viene a dire che è tutto a posto e che possiamo andare. Troviamo anche un autoarticolato che si prende compassione di noi e ci fa passare davanti a lui e davanti a tutti gli altri in una coda di alcune centinaia di metri! Arriviamo alla dogana di Bijaca, non abbiamo neppure il tempo di portare i documenti e andare in bagno che ci dicono che è tutto a posto, che possiamo andare! Io che, sconsolato dalla lunga attesa in Croazia, avevo telefonato a Zdenka che non saremmo arrivati per pranzo la richiamo subito e lei gentilmente riprepara il tutto.

Dopo un breve riposo alcuni di noi decidono di salire la Collina. Siamo una decina di persone e la Collina è praticamente vuota a causa del solleone, sembra di essere a luglio. Alle 18 partecipiamo al programma serale, S. Messa e Adorazione Eucaristica.

* Venerdì 20.5.2022. Poco dopo le 6 partiamo con 8 furgoni in direzione Sarajevo. Ezio con gli altri 5 furgoni è scattato pochi minuti prima per sfruttare ogni momento di questa lunghissima giornata di scarichi. Raggiungiamo la sede dell’Associazione Sprofondo a Sarajevo dove la bravissima Hajirija ha convocato, scadenziati, i vari responsabili delle comunità cui dobbiamo scaricare gli aiuti. Proseguiamo poi alla Mensa popolare del Pane di Sant’Antonio, al centro Emmaus di Klokotnica, alla Caritas Diocesana di Stup, al seminario di Don Michele a Vogosca, da Fra Franjo di Visoko, all’ospedale dei Disabili di Mjedenica e all’orfanotrofio Casa Egitto. Al termine Fra Daniel, che a febbraio ci aveva dato appuntamento, celebra con noi l’Eucaristia, dedicata ai nostri soci defunti e ai loro parenti. Al termine ci ringrazia e noi ringraziamo lui. Salutiamo Fra Daniel e Hajirija e partiamo in direzione Konjic dove ci aspetta Sinisa, il bravo aiutante di Fra Thony. Anche per Sinisa e le famiglie di Konjic scarichiamo un bel carico. Proseguiamo quindi in direzione Mostar dove abbiamo appuntamento con il Console che vuole accompagnarci alla scuola alberghiera per disabili, cui abbiamo destinato alcuni quintali di alimentari. Ci dobbiamo dividere perché alcuni di noi hanno tenuto alimentari per l’orfanotrofio musulmano. Lì scarichiamo: farina per la pizza, salsa di pomodoro, olio, riso e pasta, ecc. Salutiamo tutti per dirigerci finalmente a Medjugorje dove arriviamo, giusto in tempo per le funzioni serali. Ceniamo in attesa che rientrino gli amici di Torre Boldone, che arrivano solo dopo le 21,15, molto stanchi! La mattina erano al grande ospedale di Pazaric, quindi si sono recati a Gromiljiak, e agli altri 2 ospedali di Fojnica (Drin e Bakovici), al pensionato di Vitez e infine a Livno dove hanno scaricato per la casa delle Ancelle del Bambin Gesù e per la Croce Rossa.

* Sabato 21.5.2022. Dopo colazione, partiamo per il Podbrdo e saliamo la Collina. Alle 10,45 siamo al capannone giallo per la Messa degli Italiani e davvero è sempre un momento intenso. Oltre a Padre Francesco ci sono altri sacerdoti italiani. Il capannone è pieno per metà rispetto al deserto degli ultimi 28 mesi, va bene così. Ezio con il gruppo di Bergamo si dirige da Suor Paulina per scaricare un po’ di aiuti che hanno riservato per loro e per le nonnine del pensionato. Pranziamo in compagnia della carissima Suor Iva, che sempre ci regala perle di saggezza spirituale. Anche il console Goran è venuto a salutarci! Carichiamo poi il furgone di Drinovci del parroco Fra Josip e ci sono ancora alimentari per riempire completamente anche l’auto di Suor Iva. Il resto degli aiuti alimentari lo portiamo alla Casa delle Ragazze Madri e alla Comunità di Tereza, la traduttrice per russi e ucraini, che ospita i profughi ucraini. Torniamo infine in pensione. Alle 17,00 Rosario, alle 18,00 S. Messa internazionale, quindi Adorazione Eucaristica! Usciamo dalla Chiesa e corriamo in pensione a recuperare i bagagli e i panini che la cara Zdenka ci ha preparato e partiamo con i nostri 8 furgoni mentre gli amici di Bergamo – Torre Boldone restano a riposarsi ancora una notte a Medjugorje! Poco prima delle 21,00 siamo in dogana Bosniaca e transitiamo anche in quella Croata, i doganieri ci mandano nuovamente alla pesa anche se siamo vuoti.

* Domenica 22.5.2022. Il viaggio prosegue bene e alle 12,15 siamo tutti a Rondissone a salutarci. Grazie Maria, che con tuo Figlio, continui a chiamarci e a ripeterci: ”Chi prega non deve aver paura del futuro”.

*******

PROSSIME PARTENZE PREVISTE: 26/5 (Per ricordare Fabio, Sergio, Guido, uccisi il 29.5.93) – 21/6 – 13/7 (Gianluca) – 28/7 – 11/8 – 14/9 – 12/10 – 16/11 (Gianluca) – 5/12 – 28/12

 

A.R.PA. Associazione Regina della Pace onlus - Via S. Alessandro, n. 26 - 23855 Pescate (LC)

Telefono /Fax 0341/368487 - Codice fiscale   92043400131


 

Site Map