Home
Chi siamo
Pellegrinaggi di carità
Adozioni a distanza
5 per mille
Vangelo del giorno
Messaggio del 25 del mese
Come accogliere il messaggio(p.Slavko)
Messaggio a Mirjana
Enfants de Medjugorje
Incontri di preghiera
Video storico del 1983
Medjugorie: foto
Alberto Bonifacio: testimonianze
Quattro raccolte di meditazioni
Apparizioni mariane
Papa Francesco
Omelia di p. Marinko
 Se avete feedback su come possiamo rendere il nostro sito più consono per favore contattaci e ci piacerebbe sentire da voi.
 

Libro intervista di Andrea Tornielli a Papa Francesco presentato nei giorni scorsi (gennaio 2016) in Vaticano, con l'intervento di Roberto Benigni



«La misericordia è il primo attributo di Dio. É il nome di Dio. Non ci sono situazioni dalle quali non possiamo uscire, non siamo condannati ad affondare nelle sabbie mobili».

Con parole semplici e dirette, papa Francesco si rivolge a ogni uomo e donna del pianeta instaurando un dialogo intimo e personale. Al centro, c’è il tema che più gli sta a cuore - la misericordia - da sempre fulcro della sua testimonianza e ora del suo pontificato. In ogni pagina vibra il desiderio di raggiungere tutte quelle anime dentro e fuori la Chiesa che cercano un senso alla vita, una strada di pace e di riconciliazione, una cura alle ferite fisiche e spirituali. In primo luogo quell'umanità inquieta e dolente che chiede di essere accolta e non respinta: i poveri e gli emarginati, i carcerati e le prostitute, ma anche i disorientati e i Iontani dalla fede, gli omosessuali e i divorziati.

Nella conversazione con il vaticanista Andrea Tornielli, Francesco spiega attraverso ricordi di gioventù ed episodi toccanti della sua esperienza di pastore le ragioni di un Anno Santo straordinario da lui fortemente voluto. Senza disconoscere le questioni etiche e teologiche, ribadisce che la Chiesa non può chiudere la porta a nessuno; piuttosto ha il compito di far breccia nelle coscienze per aprire spiragli di assunzione di responsabilità e di allontanamento dal male compiuto.

Nella schiettezza del dialogo, Francesco non si sottrae neppure dall'affrontare il nodo dei rapporti fra misericordia, giustizia, corruzione.

E a quei cristiani che si annoverano nelle schiere dei "giusti", rammenta: «Anche il papa è un uomo che ha bisogno della misericordia di Dio».

FRANCESCO

]orge Mario Bergoglio

Nato a Buenos Aires il 17 dicembre 1936, dal 13 marzo 2013 è il vescovo di Roma e il 266° papa della Chiesa cattolica.

Il 13 marzo 2015 ha voluto imprimere una decisiva svolta al suo pontificato indicendo l'Anno Santo della Misericordia, che termina il 20 novembre 2016.

Andrea Tornielli

Vaticanista, giornalista del quotidiano La Stampa e responsabile del sito web «Vatican Insider», collabora con varie riviste italiane e internazionali.

Tra le sue pubblicazioni, ricordiamo la prima biografia del pontefice, Francesco. Insieme, tradotta in 16 lingue, e il volume Papa Francesco. Questa economia uccide, tradotto in 9 lingue.

FRANCESCO

Una conversazione

con Andrea Tornielli

PIEMME

Gesù disse ancora questa parabola per alcuni che avevano l'intima presunzione di essere giusti e disprezzavano gli altri: «Due nomini salirono al tempio a pregare: uno era fariseo e l'altro pubblicano. ll fariseo, stando in piedi, pregava così tra sé: "O Dio, ti ringrazio perché non sono come gli altri uomini, ladri, ingiusti, adùlteri, e neppure come ,questo pubblicano. Digiuno due volte alla settimana e pago le decime di tutto quello che possiedo". Il pubblicano invece, fermatosi a distanza, non osava nemmeno alzare gli occhi al cielo, ma si batteva il petto dicendo: "O Dio, abbi pietà di me peccatore". lo vi dico: questi, a differenza dell'altro, tornò a casa sua giustificato, perché chiunque si esalta sarà umiliato, chi invece si umilia sarà esaltato».

Vangelo di Luca 18, 9-14

Al lettore

LO SGUARDO DI FRANCESCO

La mattina di domenica 17 marzo 2013 Francesco celebrava la sua prima messa con il popolo, dopo la sua elezione a Vescovo di Roma, avvenuta la sera del mercoledì precedente. La chiesa di Sant'Anna in Vaticano, che si trova a due passi dall'omonima porta d'ingresso nello Stato più piccolo del mondo e che ha funzioni di parrocchia per gli abitanti di Borgo Pio, era gremita di fedeli. Ero presente anch'io, insieme a qualche amico. Francesco tenne in quell'occasione la sua seconda omelia da Papa, parlando a braccio: « Il messaggio di Gesù è la misericordia. Per me, lo dico umilmente, è il messag-gio più forte del Signore».

Il Pontefice commentava il brano del Vangelo di Giovanni che parla dell'adultera, la donna che gli scribi e i farisei stavano per lapidare come prescritto dalla legge mosaica. Gesù le aveva salvato la vita. Aveva chiesto a chi fosse senza peccato di scagliare la prima pietra. Se n'erano andati tutti. «Neanch'io ti condanno; va' e d'ora in poi non pec-care più» (8, 11).

Francesco, riferendosi agli scribi e ai farisei che avevano trascinato la donna da lapidare davanti al Nazareno, aveva detto: «Anche a noi, a volte, piace bastonare gli altri, condannare gli altri». Il primo e unico passo richiesto per fare esperienza della mi-sericordia, aggiungeva il Papa, è quello di riconoscersi bisognosi di misericordia, «Gesù è venuto per noi, quando noi riconosciamo che siamo peccatori». Basta non imitare quel farisea che stando davanti all'altare ringraziava Dio di non essere un peccatore «come tutti gli altri uomini». Se siamo come quel fariseo, se ci crediamo giusti, «non co-nosciamo il cuore del Signore, e non avremo mai la gioia di sentire questa misericordia!» spiegava il nuovo Vescovo di Roma. Chi è abituato a giudicare gli altri dall'alto, sentendosi a posto, chi è solito considerarsi giusto, buono e in regola, non av-verte il bisogno di essere abbracciato e perdonato. E c'è invece chi lo avverte, ma pensa di essere irredimibile per il troppo male commesso.

Francesco aveva raccontato a questo proposito un dialogo con un uomo il quale, sentendosi rivolgere questa parola sulla misericordia, aveva risposto: «Oh, padre, se lei conoscesse la mia vita, non mi parlerebbe così! Ne ho fatte di grosse!». Questa era stata la risposta: «Meglio! Vai da Gesù: a Lui piace se gli racconti queste cose! Lui si dimentica, Lui ha una capacità speciale di dimenticarsi. Si dimentica, ti bacia, ti abbraccia e ti dice soltanto: "Neanch'io ti condanno; va', e d'ora in poi non peccare più". Soltanto quel consiglio ti dà. Se dopo un mese siamo nelle stesse condizioni... Torniamo al Signore. Il Signore mai si stanca di perdonare: mai! Siamo noi che ci stanchiamo di chiedergli perdono. Allora dobbiamo chiedere la grazia di non stancarci di chiedere perdono, perché Lui mai si stanca di perdonare».

Da quella prima omelia di Francesco, che mi colpì particolarmente, emergeva la centralità del messaggio della misericordia che avrebbe caratterizzato questi primi anni di pontificato. Parole semplici e profonde. Il volto di una Chiesa che non rinfaccia agli uomini le loro fragilità e le loro ferite, ma le cura con la medicina della misericordia.

Viviamo in una società che ci abitua sempre meno a riconoscere le nostre responsabilità e a farcene carico: a sbagliare, infatti, sono sempre agli. Gli immorali sono sempre gli altri, le colpe sono sempre di qualcun altro, mai nostre. E viviamo talvolta anche l'esperienza di un certo clericalismo di ritorno, tutto intento a tracciare confini, a "regolarizzare" le vite delle persone attraverso l'imposizione di prerequisiti e divieti che appesantiscono il già faticoso vivere quotidiano. Un atteggiamento sempre pronto a condannare e molto meno ad accogliere. Sempre intento a giudicare, ma non a chinarsi con compassione sulle miserie dell'umanità. Il messaggio della misericordia - cuore di quella sorta di "prima enciclica" non scritta, ma contenuta nella breve omelia del nuovo Papa - abbatteva contemporaneamente entrambi i cliché.

Poco più di un anno dopo, il 7 aprile 2014, Francesco era tornato a commentare lo stesso brano, durante la messa mattutina nella cappella della Casa Santa Marta, confessando la sua commozione per questa pagina evangelica: «[dio perdona non con un decreto, ma con una carezza». E con la misericordia «Gesù va anche oltre la legge e perdona accarezzando le ferite dei nostri peccati».

«Le letture bibliche di oggi», aveva spiegato il Papa, «ci parlano dell'adulterio», che insieme alla bestemmia e all'idolatria era considerato «un peccato gravissimo nella legge di Mosè», punito «con la pena di morte» per lapidazione. Nel passo tratto dall'ottavo capitolo di Giovanni il Papa faceva notare: «Incontriamo Gesù, seduto lì, tra tanta gente, che faceva il catechista, insegnava». Poi «si avvicinarono gli scribi e i farisei con una donna che portavano avanti, forse con le mani legate, possiamo immaginare. E così la posero in mezzo e l'accusarono: ecco un'adultera!». La loro è un'accusa pubblica. ll Vangelo racconta che fecero a Gesù una domanda: «Cosa dobbiamo fare con questa donna? Tu ci parli di bontà, ma Mosè ci ha detto che dobbiamo ucciderla!». «Dicevano questo», aveva notato Francesco, «per metterlo alla prova, per avere il motivo di accusarlo.» Infatti, se Gesù avesse detto loro: «Sì, avanti con la lapidazione», avrebbero avuto l'opportunità di dire alla gente: «E questo sarebbe il vostro maestro tanto buono? Guarda cosa ha fatto a questa povera donna!». Se invece Gesù avesse detto: «No, poveretta, bisogna perdonarla!», ecco che potevano accusarlo «di non compiere la Legge».

Il loro unico obiettivo, spiegava ancora papa Bergoglio, era «mettere alla prova, tendere una trappola» a Gesù. «A loro non importava della donna; non importava degli adulteri.» Anzi, «forse alcuni di loro stessi erano adulteri». Ed ecco allora che Gesù, il quale voleva «rimanere solo con la donna e parlare al suo cuore», risponde: «Chi di voi è senza peccato getti per primo la pietra contro di lei». E «il popolo se n'era andato lentamente» dopo aver sentito quelle parole. «Il Vangelo, con una certa

ironia, dice che tutti se ne andarono, uno per uno, cominciando dai più anziani: si vede che nella banca del cielo avevano un bel conto corrente contro di loro!» Arriva dunque il momento «di Gesù confessore». Rimane «solo con la donna», che resta «là in mezzo». Intanto «Gesù era chinato e scriveva col dito sulla polvere della terra. Alcuni esegeti dicono che Gesù scriveva i peccati di questi scribi e farisei», ma «forse è un'immaginazione». Poi «si alzò e guardò» la donna, che era «piena di vergogna, e le disse: donna, dove sono? Nessuno ti ha condannata? Siamo soli, tu e io. Tu davanti a Dio. Senza accuse, senza chiacchiere: tu e Dia».

La donna - aveva osservato ancora Francesco in quell'omelia - non si proclama vittima di «una falsa accusa», non si difende affermando: «Io non ho commesso adulterio». No, «lei riconosce il suo peccato» e a Gesù risponde: «Nessuno, Signore, mi ha condannata». A sua volta Gesù le dice: «Neanch'io ti condanno, va' e d'ora in poi non peccare più». Dunque, concludeva Francesco: «Gesù perdona. Ma qui c'è qualcosa di più del perdono. Perché come confessore Gesù va oltre la Legge». Infatti, « la Legge sanciva che lei dovesse essere punita». Oltretutto Gesù «era puro e avrebbe potuto gettare per primo la pietra». Ma il Cristo «va oltre. Non le dice: non è peccato l'adulterio, ma non la condanna con la Legge». Proprio questo è «il mistero della misericordia di Gesù».

Gesù per «fare misericordia» va oltre «la Legge che comandava la lapidazione». Tanto che dice alla donna di andare in pace. «La misericordia», spiegava in quella predica mattutina il Vescovo di Roma, «è qualcosa di difficile da capire: non cancella i peccati», perché a cancellare i peccati «è il perdono di Dio.» Ma « la misericordia è il modo con cui Dio perdona». Perché «Gesù poteva dire: io ti perdono, vai! Come ha detto a quel paralitico: i tuoi peccati sono perdonati!». Nel caso dell'adultera «Gesù va oltre e consiglia alla donna di non peccare più. E qui si vede l'atteggiamento miseri-cordioso di Gesù: difende il peccatore dai nemici, difende il peccatore da una condanna giusta».

Questo, aveva aggiunto Francesco, «vale anche per noi». «Quanti di noi forse meriterebbero una condanna! E sarebbe anche giusta. Ma Lui perdona! » Come? «Con la misericordia che non cancella il peccato: è solo il perdono di Dio che lo cancella, mentre la misericordia va oltre.» È «come il cielo: noi guardiamo il cielo, tante stelle, ma quando viene il sole al mattino, con tanta luce, le stelle non si vedono. Così è la misericordia di Dio: una grande luce di amore, di tenerezza, perché Dio perdona non con un decreto, ma con una carezza». Lo fa «carezzando le nostre ferite di peccato, perché lui è coinvolto nel perdono, è coinvolto nella nostra salvezza».

Con questo stile, concludeva papa Francesco, Gesù fa il confessore. Non umilia la donna adultera, non le dice: «Cosa hai fatto, quando l'hai fatto, come l'hai fatto e con chi l'hai fatto!». Le dice, al contrario, «di andare e di non peccare più. È grande la misericordia di Dio, è grande la misericordia di Gesù: perdonarci accarezzandoci».

Il Giubileo della Misericordia è una conseguenza di questo messaggio e della centralità che ha sempre avuto nella predicazione di Francesco. Il 13 marzo 2015, mentre ascoltavo l'omelia della liturgia penitenziale al termine della quale il Papa stava per annunciare l'indizione dell'Anno Santo straordinario, ho pensato: sarebbe bello potergli porgere alcune domande incentrate sui temi della misericordia e del perdono, per approfondire ciò che quelle parole significano per lui, come uomo e come sacerdote. Senza la preoccupazione di ottenere qualche frase a effetto che entrasse nel dibattito mediatico attorno al sinodo sulla famiglia, spesso ridotto a un derby fra opposte tifoserie. Senza entrare nella casuistica. Mi piaceva l'idea di un'intervista che facesse emergere il cuore di Francesco, il suo sguardo. Un testo che lasciasse aperte delle porte, in un tempo, come quello giubilare, durante il quale la Chiesa intende mostrare in modo particolare, e ancora più significativo, il suo volto di misericordia.

Il Papa ha accettato la proposta. Questo libro è il frutto di un colloquio cominciato nella sua abitazione, nella Casa Santa Marta in Vaticano, in un afosissimo pomeriggio dello scorso luglio, pochi giorni dopo il ritorno dal viaggio in Ecuador, Bolivia e Paraguay. Avevo inviato con pochissimo anticipo un elenco di argomenti e domande che avrei voluto trattare. Mi sono presentato munito di tre registratori. Francesco mi attendeva tenendo davanti a sé sul tavolino una concordanza della Bibbia e delle citazioni dei Padri della Chiesa. Potete leggere nelle prossime pagine i contenuti del colloquio.

Spero che l'intervistato non se ne abbia a male se rivelo un piccolo retroscena che mi pare molto significativo. Si stava parlando della difficoltà a riconoscersi peccatori, e nella prima stesura che avevo preparato, Francesco affermava: «La medicina c'è, la guarigione c'è, se soltanto muoviamo un piccolo passo verso Dio». Dopo aver riletto il testo, mi ha chiamato, chiedendomi di aggiungere: «...o abbiamo almeno il desiderio di muoverlo», un'espressione che io avevo maldestramente lasciato cadere nel lavoro di sintesi. In questa aggiunta, o meglio in questo testo correttamente ri-pristinato, c'è tutto il cuore del pastore che cerca di uniformarsi al cuore misericordioso di Dio e non lascia nulla di intentato per raggiungere il peccatore. Non trascura alcuno spiraglio, seppur minimo, per poter donare il perdono. Dio ci attende a braccia aperte, ci basta muovere un passo verso di Lui come il "figliol prodigo". Ma se non abbiamo la forza di compiere nemmeno questo, per quanto siamo deboli, basta almeno il desiderio di farlo. È già un inizio sufficiente, perché la grazia possa operare e la misericordia essere donata, secondo l'esperienza di una Chiesa che non si concepisce come una dogana, ma cerca ogni possibile via per perdonare.

Qualcosa di simile si ritrova in una pagina nel romanzo di Bruce Marshall, A ogni uomo un soldo. Il protagonista del libro, l'abate Gaston, deve confessare un giovane soldato tedesco che i partigiani francesi stanno per condannare a morte. Il soldato

confessa la sua passione per le donne e le numerose avventure amorose, vissute. L'abate gli spiega che deve pentirsi per ottenere il perdono e l'assoluzione. E lui risponde: «Come faccio a pentirmi? Era una cosa che mi piaceva, se ne avessi l'occasione lo farei anche adesso. Come faccio a pentirmi?». Allora all'abate Gaston, che vuole assolvere quel penitente segnato dal destino e ormai in punto di morte, viene un lampo di genio e chiede: «Ma a te rincresce che non ti rincresca?». E il giovane, spontaneamente, ribatte: «Sì, mi rincresce che non mi rincresca». Cioè mi spiace di non essere pentito. Quel dispiacere è il piccolo spiraglio che permette al prete misericordioso di dare l'assoluzione.

A. T

I

TEMPO DI MISERICORDIA

Santo Padre, può dirci com'è nato il desiderio di indire un Giubileo della Misericordia? Da dove le è venuta l'ispirazione?

Non c'è un fatto particolare o definito. Le cose a me vengono un po' da sole, sono le cose del Signore, custodite nella preghiera. lo sono portato a non fidarmi mai della prima reazione che ho di fronte a un'idea che mi viene o a una proposta che mi viene fatta. Non mi fido mai, anche perché solitamente la prima reazione è sbagliata. Ho imparato ad attendere, ad affidare al Signore, a chiedere il Suo aiuto, per poter discernere meglio, per lasciarmi guidare.

La centralità della misericordia, che per me rappresenta il messaggio più importante di Gesù, posso dire che è cresciuta piano piano nella mia vita sacerdotale, come la conseguenza della mia esperienza di confessore, delle tante storie positive e belle che ho conosciuto.

Già nel luglio 2013, a pochi mesi dall'inizio del suo pontificato, durante il viaggio di ritorno da Rio de Janeiro dove si era celebrata la Giornata mondiale della gioventù, lei disse che il nostro è il «tempo della misericordia».

Si, io credo che questo sia il tempo della misericordia. La Chiesa mostra il suo volto materno, il suo volto di mamma, all'umanità ferita. Non aspetta che i feriti bussino alla sua porta, li va a cercare per strada, li raccoglie, li abbraccia, li cura, li fa sentire amati. Dissi allora, e ne sono sempre più convinto, che questo sia un kairós, la nostra epoca è un kairós di misericordia, un tempo opportuno. Aprendo so-lennemente il Concilio Ecumenico Vaticano 11, san Giovanni XXIII disse che «la

Sposa di Cristo preferisce usare la medicina della misericordia invece di imbracciare le armi del rigore». Nel suo Pensiero alla morte il beato Paolo VI rivelava il fondamento della sua vita spirituale, nella sintesi proposta da sant'Agostino: miseria e misericordia. «Miseria mia» scriveva papa Montini «misericordia di Dio. Ch'io possa almeno onorare chi Tu sei, il Dio d'infinita bontà, invocando, accettando, celebrando la Tua dolcissima misericordia.» San Giovanni Paolo Q è andato avanti su questa strada attraverso l'enciclica Dives in misericordia, nella quale ha affermato che la Chiesa vive una vita autentica quando professa e proclama la misericordia - il più stupendo attributo del Creatore e del Redentore - e quando accosta gli uomini alle fonti della misericordia. Inoltre, ha istituito la festa della "Divina misericordia", ha valorizzato la figura di santa Faustina Kowalska e ha richiamato l'attenzione sulle parole di Gesù sulla misericordia. Anche papa Benedetto XVI ha parlato di questo nel suo magistero: «La misericordia è in realtà il nucleo centrale del messaggio evangelico» ha detto «è il nome stesso di Dio, il volto con il quale Egli si è rivelato nell'antica Alleanza e pienamente in Gesù Cristo, incarnazione dell'Amore creatore e redentore. Questo amore di misericordia illumina anche il volto della Chiesa, e si manifesta sia mediante i sacramenti, in particolare quello della riconciliazione, sia con le opere di carità, comunitarie e individuali. Tutto ciò che la Chiesa dice e compie manifesta la misericordia che Dio nutre per l'uomo».

Ma nei miei ricordi personali ci sono anche tanti altri episodi. Ad esempio, prima di arrivare qui, quando ero a Buenos Aires, ho impressa nella memoria una tavola rotonda tra teologi: si discuteva su che cosa il Papa potesse fare per avvicinare la gente, di fronte a tanti problemi che sembravano senza soluzione. Uno di loro disse: «Un Giubileo del perdono». Questo mi è rimasto in mente. E dunque, per rispondere alla domanda, credo che la decisione sia venuta pregando, pensando all'insegnamento e alla testimonianza dei Papi che mi hanno preceduto, e pensando alla Chiesa come a un ospedale da campo, dove si curano innanzitutto le ferite più gravi. Una Chiesa che riscaldi il cuore delle persone con la vicinanza e la prossimità.

Che cos'è per lei la misericordia?

Etimologicamente, misericordia significa aprire il cuore al misero. E subito andiamo al Signore: misericordia è l'atteggiamento divino che abbraccia, è il donarsi di Dio che accoglie, che si piega a perdonare. Gesù ha detto di non essere venuto per i giusti, ma per i peccatori. Non è venuto per i sani, che non hanno bisogno del medico, ma per gli ammalati. Per questo si può dire che la misericordia è la carta d'identità del nostro Dio. Dio di misericordia, Dio misericordioso. Per me questa è davvero la carta d'identità del nostro Dio. Mi ha sempre colpito leggere, la storia d'Israele come viene raccontata nella Bibbia, nel capitolo 16 del Libro di Ezechiele. La storia paragona Israele a una bambina, alla quale non fu tagliato il

cordone ombelicale, ma venne lasciata nel sangue, gettata via. Dio la vide, dibattersi nel sangue, la ripulì, la unse, la vestì, e quando fu cresciuta l'adornò dl seta e gioielli. Ma lei, infatuata della sua stessa bellezza, si prostituì, non facendosi pagare, ma pagando lei stessa i suoi amanti. Dio però non dimenticherà la sua alleanza e la metterà al di sopra delle sue sorelle maggiori, perché Israele si ricordi e si vergogni (Ezechiele 16, 63), quando le sarà perdonato ciò che ha fatto.

Questa per me è una delle rivelazioni più grandi: continuerai a essere il popolo eletto, ti saranno perdonati tutti i peccati. Ecco: la misericordia è profondamente unita alla fedeltà di Dio. Il Signore è fedele perché non può rinnegare se stesso. Lo spiega bene san Paolo nella Seconda Lettera a Timoteo (2,13): «Se siamo infedeli, Lui rimane fedele, perché non può rinnegare se stesso». Tu puoi rinnegare Dio, tu puoi peccare contro di Lui, ma Dio non puri rinnegare se stesso, Lui rimane fedele.

Quale posto e quale significato ha nel suo cuore, nella sua vita e storia personale, la misericordia? Ricorda quando lui avuto, da bambino, la prima esperienza della misericordia?

Posso leggere la mia vita attraverso il capitolo 16 del Libro del profeta Ezechiele. Leggo quelle pagine e dico: ma tutto questo sembra scritto per me! Il profeta parla della vergogna, e la vergogna è una grazia: quando uno sente la misericordia di Dio, ha una grande vergogna di se stesso, del proprio peccato. C'è un bel saggio di un grande studioso della spiritualità, padre Gaston Fessard, dedicato alla vergogna, nel suo libro La Dialectique des "Exercises spirituels" de S. Ignace de Loyola. La vergogna è una delle grazie che sant'Ignazio fa chiedere nella confessione dei peccati davanti al Cristo crocifisso. Quel testo di Ezechiele insegna a vergognarti, fa sì che tu ti possa vergognare: con tutta la tua storia di miseria e di peccato, Dio ti rimane fedele e ti innalza. lo sento questo. Non ho ricordi particolari di quando ero bambino. Ma da ragazzo sì. Penso a padre Carlos Duarte Ibarra, il confessore che incontrai nella mia parrocchia quel 21 settembre 1953, nel giorno in cui la Chiesa celebra san Matteo apostolo ed evangelista. Avevo 17 anni. Mi sentii accolto dalla misericordia di Dio confessandomi da lui. Quel sacerdote era originario di Corrientes, ma si trovava a Buenos Aires per curarsi dalla leucemia. Morì l'anno seguente. Ricordo ancora che dopo il suo funerale e la sua sepoltura, tornato a casa, mi sono sentito come se fossi rimasto abbandonato. E ho pianto tanto quella sera, tanto, nascosto nella mia stanza. Perché? Perché avevo perso una persona che mi faceva sentire la misericordia di Dio, quel «miserando atque eligendo», un'espressione che allora non conoscevo e che poi ho scelto come motto episcopale. L'avrei ritrovata in seguito, nelle omelie del monaco inglese san Beda il Venerabile, il quale descrivendo la vocazione di Matteo scrive: «Gesù vide un pubblicano e, siccome lo guardò con sentimento di amore e lo scelse, gli disse: "Seguimi"». Questa è la traduzione che comunemente viene offerta dell'espressione di san Beda. A me

piace tradurre miserando, con un gerundio che non esiste, "misericordiando", donandogli misericordia. Dunque «misericordiandolo e scegliendolo», per descrivere lo sguardo di Gesù che dona misericordia e sceglie, prende con sé.

Quando pensa a preti misericordiosi, che ha conosciuto o ai quali si è ispirato, chi le viene in mente?

Sono tanti. Ho appena ricordato padre Duarte. Posso citare don Enrico Pozzoli, salesiano, che mi ha battezzato e che aveva sposato i miei genitori. Era il confessore. Il confessore misericordioso: tutti andavano da lui, girava le case dei salesiani. Ne ho incontrati tanti di confessori così. Ricordo un altro grande confessore, più giovane di me, un padre cappuccino, che esercitava il suo ministero a Buenos Aires. Una volta venne a incontrarmi, voleva parlare. Mi disse: «Ti chiedo aiuto, ho sempre tanta gente davanti al confessionale, gente di ogni tipo, umile e meno umile, ma anche tanti preti... lo perdono molto e a volte mi viene uno scrupolo, lo scrupolo di aver perdonato troppo». Abbiamo parlato della misericordia e gli ho chiesto che cosa facesse quando provava quello scrupolo. Mi ha risposto così: «Vado nella nostra cappellina, davanti al tabernacolo e dico a Gesù: "Signore, perdonami perché ho perdonato troppo. Ma sei stato tu a darmi il cattivo esempio!"». Questo non lo dimenticherò mai. Quando un sacerdote vive così la misericordia su se stesso, può donarla agli altri. Ho letto un'omelia dell'allora cardinale Albino Luciani su padre Leopoldo Mandic, appena proclamato beato da Paolo VI. Aveva descritto qualcosa che si avvicina molto a quanto ho appena raccontato: «Ecco, peccatori siamo tutti» diceva Luciani in quella occasione «lo sapeva benissimo il padre Leopoldo. Bisogna prendere atto di questa nostra triste realtà. Nessuno può a lungo evitare le mancanze piccole o grandi. "Però", come diceva san Francesco di Sales, "se tu hai l'asinello, e per strada ti casca sul selciato, cosa devi fare? Mica vai là col bastone a spianargli le costole, poveretto, è già abbastanza sfortunato. Bisogna che tu lo prenda per la cavezza e dica: 'Su, riprendiamo la strada. Adesso riprendiamo il cammino,farai più attenzione un'altra volta'." Questo è il sistema e padre Leopoldo questo sistema l'ha applicato in pieno. Un sacerdote, mio amico, che andava a confessarsi da lui, ha detto: "Padre, lei è troppo largo. Io mi confesso volentieri da lei, ma mi pare che sia troppo largo". E padre Leopoldo: "Ma chi è stato largo, figlio mio? È stato il Signore a essere largo; mica io sono morto per i peccati, è il Signore che è morto per i peccati. Più largo di così con il ladrone, con gli altri come poteva essere!"». Questa l'omelia dell'allora cardinal Luciani su Leopoldo Mandic, poi proclamato santo da Giovanni Paolo II.

Posso ancora citare un'altra figura significativa per me, quella di padre José Ramón Aristi, sacramentino, che ho già ricordato una volta incontrando i parroci di Roma. Morì ultranovantenne nel 1996. Anche lui un grande confessore, tantissima gente e tanti preti andavano da lui. Quando confessava dava ai penitenti il suo

rosario e faceva tenere loro in mano la piccola croce, poi la usava per assolvere e infine invitava a baciarla. Quando morì, io ero vescovo ausiliare di Buenos Aires, era la sera del Sabato Santo. Andai da lui il giorno dopo, la Domenica di Pasqua, dopo pranzo, e scesi nella cripta della chiesa. Mi accorsi che non c'erano fiori accanto alla sua bara e andai a cercarne un mazzo fuori, poi rientrai e cominciai a sistemarli. Vidi quel rosario attorcigliato attorno alle sue mani: staccai la piccola croce e guardandolo gli chiesi: «Dammi la metà della tua misericordia!». Da allora quella piccola croce è sempre con me, sul mio petto: quando mi viene un pensiero cattivo su una persona, avvicino la mano e tocco quella croce. Mi fa bene. Ecco un altro esempio di prete misericordioso, che sapeva avvicinarsi alla gente e curare le ferite donando la misericordia di Dio.

Perché secondo lei questo nostro tempo e questa nostra umanità hanno così bisogno di misericordia?

Perché è un'umanità ferita, un'umanità che porta ferite profonde. Non sa come curarle o crede che non sia proprio possibile curarle. E non ci sono soltanto le malattie sociali e le persone ferite dalla povertà, dall'esclusione sociale, dalle tante schiavitù del terzo millennio. Anche il relativismo ferisce tanto le persone: tutto sembra uguale, tutto sembra lo stesso. Questa umanità ha bisogno di mi-sericordia. Pio XII, più di mezzo secolo fa, aveva detto che il dramma della nostra epoca era l'aver smarrito il senso del peccato, la coscienza del peccato. A questo si aggiunge oggi anche il dramma di considerare il nostro male, il nostro peccato, come incurabile, come qualcosa che non può essere guarito e perdonato. Manca l'esperienza concreta della misericordia. La fragilità dei tempi in cui viviamo è anche questa: credere che non esista possibilità di riscatto, una mano che ti rialza, un abbraccio che ti salva, ti perdona, ti risolleva, ti inonda di un amore infinito, paziente, indulgente; ti rimette in carreggiata. Abbiamo bisogno di misericordia. Dobbiamo chiederci perché così tante persone, uomini e donne, giovani e anziani di ogni estrazione sociale, oggi ricorrano ai maghi e ai chiromanti. Il cardinale Giacomo Biffi era solito citare queste parole dello scrittore inglese Gilbert Keith Chesterton: «Chi non crede in Dio, non è vero che non crede in niente, perché comincia a credere a tutto». Una volta ho sentito una persona dire: ai tempi di mia nonna bastava il confessore, oggi tante persone si rivolgono ai chiromanti... Oggi si cerca salvezza dove si può.

Questi fenomeni a cui lei allude, come i maghi e i c hiromanti, ci sono però sempre stati nella storia dell'umanità.

Sì, certo, ci sono sempre stati indovini, maghi, chiromanti. Ma non c'era così tanta gente che cercava presso di loro salute e guarigione spirituale. Le persone cercano soprattutto qualcuno che le ascolti. Qualcuno disposto a donare il proprio

tempo per ascoltare i loro drammi e le loro difficoltà. È quello che io chiamo "l'apostolato dell'orecchio", ed è importante. Tanto importante. Ai confessori mi sento di dire: parlate, ascoltate con pazienza, dite anzitutto alle persone che Dio vuole loro bene. E se il confessore non può assolvere, che spieghi il perché ma dia comunque una benedizione, anche senza assoluzione sacramentale. L'amore di Dio c'è anche per chi non è nella disposizione di ricevere il sacramento: anche quell'uomo o quella donna, quel giovane o quella ragazza sono amati da Dio, sono cercati da Dio, bisognosi di benedizione. Abbiate tenerezza con queste persone. Non allontanatele. La gente soffre. Essere un confessore è una grande responsabilità. 1 confessori hanno davanti a loro le pecore smarrite che Dio ama tanto, se non si fa percepire loro l'amore e la misericordia di Dio, si allontanano e magari non tornano più. Dunque, abbracciatele e siate misericordiosi, anche se non potete assolvere. Date comunque una benedizione.

Io ho una nipote che ha sposato civilmente un uomo prima che lui potesse avere il processo di nullità matrimoniale. Volevano sposarsi, si amavano, volevano dei figli, ne hanno avuti tre. Il giudice civile aveva assegnato a lui anche la custodia dei figli avuti nel primo matrimonio. Quest'uomo era tanto religioso che tutte le domeniche, andando a messa, andava al confessionale e diceva al sacerdote: «Io so che lei non mi può assolvere, ma ho peccato in questo e in quest'altro, mi dia una benedizione».

Questo è un uomo religiosamente formato.

II

IL DONO DELLA CONFESSIONE

Perché è importante confessarsi? Lei è stato il primo Papa a farlo pubblicamente, durante le liturgie penitenziali nel tempo di Quaresima, in San Pietro... Ma non basterebbe, in fondo, pentirsi e chiedere perdono da soli, vedersela da soli con Dio?

È Gesù ad aver detto ai suoi apostoli: «A coloro a cui perdonerete i peccati, saranno perdonati; a coloro a cui non perdonerete, non saranno perdonati» (Vangelo di Giovanni 20,23). Dunque, gli apostoli e i loro successori - i vescovi e i sacerdoti loro collaboratori - diventano strumenti della misericordia di Dio. Agiscono in persona Christi. È molto bello questo. Ha un profondo significato, perché noi siamo esseri sociali. Se tu non sei capace di parlare dei tuoi sbagli con il fratello, sta' sicuro che non sei capace di parlarne neanche con Dio e così finisci per confessarti con lo specchio, davanti a te stesso. Siamo esseri sociali e il perdono ha anche un risvolto sociale, perché anche l'umanità, i miei fratelli e sorelle, la società, vengono ferite dal mio peccato. Confessarsi davanti a un sacerdote è un modo per mettere la mia vita nelle mani e nel cuore di un altro, che in quel momento agisce in nome e per conto di

Gesù. É un modo per essere concreti e autentici: stare di fronte alla realtà guardando un'altra persona e non se stessi riflessi in uno specchio. Sant'Ignazio, prima di cambiar vita e di comprendere che doveva fare il soldato di Cristo, aveva combattuto nella battaglia di Pamplona. Militava nell'esercito del re di Spagna, Carlo V d'Asburgo, e fronteggiava l'esercito francese. Venne ferito gravemente, credeva di morire. Non c'era un prete in quel momento nel campo di battaglia. E allora lui chiamò un suo commilitone, si confessò con lui, disse a lui i suoi peccati. Il compagno non poteva assolverlo, era un laico, ma l'esigenza di essere di fronte a un altro, al momento della confessione, era così sentita che decise di fare in quel modo. È una bella lezione. È vero che io posso parlare con il Signore, chiedere subito perdono a Lui, implorarlo. E il Signore perdona, subito. Ma è importante che io vada al confessionale, che metta me stesso di fronte a un sacerdote che impersona Gesù, che mi inginocchi di fronte alla Madre Chiesa chiamata a dispensare la misericordia di Dio. C'è un'oggettività in questo gesto, nel mio genuflettermi di fronte al prete, che in quel momento è il tramite della grazia che mi raggiunge e mi guarisce. Mi ha sempre commosso quel gesto della tradizione delle Chiese orientali, quando il confessore accoglie il penitente mettendogli la stola sulla testa e un braccio intorno alle spalla, come in un abbraccio. È una rappresentazione plastica dell'accoglienza e della misericordia. Ricordiamo che non siamo lì anzitutto per essere giudicati. È vero che c'è un giudizio nella confessione, ma c'è qualcosa di più grande del giudizio che entra in gioco. È lo stare di fronte a un altro che agisce in persona Christi per accoglierti e perdonarti. É l'incontro con la misericordia.

Che cosa puó dire della sua esperienza di confessore? Glielo chiedo perchè sembra un'esperienza che ha segnato profondamente la sua vita. Nella prima messa celebrata con i fedeli dopo l'elezione, nella parrocchia di Sant'Anna, il 17 marzo 2013, lei ha parlato di quell'uomo che diceva: « Eh, padre, io ne ho combinate di grosse ...». E al quale lei aveva risposto: «Vai da Gesù, lui perdona e dimentica tutto». In quella stessa omelia ricordava che Dio mai si stanca di perdonare. Poco dopo, all'Ange1us, ricordò un altro episodio, quello della vecchietta che le aveva detto confessandosi: senza la misericordia di Dio il mondo non esisterebbe.

Ricordo molto bene questo episodio rimasto impresso nella mia memoria. Mi pare di vederla ancora adesso. Era una donna anziana, piccolina, minuta, vestita tutta di nero, come si vede in alcuni paesi del Sud Italia, in Galizia, in Por-togallo. Ero da poco diventato vescovo ausiliare di Buenos Aires e si stava svolgendo una grande messa per gli ammalati, in presenza della statua della Madonna di Fatima. Ero lì per confessare. Verso la fine della messa mi sono alzato perché dovevo andare via, avevo una cresima da amministrare. In quel momento è arrivata quella donna, anziana e umile. Mi sono rivolto a lei

chiamandola abicela, cioè nonna, come si usa da noi in Argentina. «Nonna, lei vuole confessarsi?» «Sì», mi ha risposto. E io, che stavo per andarmene le ho detto: «Ma se lei non ha peccato...». Pronta e puntuale la sua risposta: «Tutti abbiamo peccati». «Ma forse il Signore non li perdona...» ho replicato io. E lei: «II Signore perdona tutto». «Ma come lo sa, lei?» «Se il Signore non perdonasse tutto» è stata la sua risposta «il mondo non esisterebbe.»

Un esempio della fede dei semplici, che hanno la scienza infusa, anche se non hanno mai studiato teologia. Durante quel primo Angelus, dissi, per farmi capire, che la mia risposta era stata: «Ma lei ha studiato alla Gregoriana!». In realtà, la vera risposta fu: «Ma lei ha studiato con Royo Marín!». Un riferimento al padre domenicano Antonio Royo Marín, autore di un famoso volume di teologia morale. Rimasi impressionato dalle parole di quella donna: senza la misericordia, senza il perdono di Dio, il mondo non esisterebbe, non potrebbe esistere. Come confessore, anche quando mi sono trovato davanti a una porta chiusa, ho sempre cercato una fessura, uno spiraglio, per schiudere quella porta e poter donare il perdono, la misericordia.

Lei una volta ha affermato che il confessionale non deve essere una "tintoria ". Che cosa significa? Che cosa intendeva dire?

Era un esempio, un'immagine per far capire l'ipocrisia di quanti credono che il peccato sia una macchia, soltanto una macchia, che basta andare in tintoria perché te la lavino a secco e tutto torni come prima. Come si porta a smacchiare una giacca o un vestito: si mette in lavatrice e via. Ma il peccato è più di una macchia. Il peccato è una ferita, va curata, medicata. Per questo ho usato quell'e-spressione: cercavo di far presente che andare a confessarsi non è come andare a portare il vestito in tintoria.

Cito un altro suo esempio. Che cosa significa che il confessionale non deve essere nemmeno una "sala di tortura"?

Quelle erano parole indirizzate piuttosto ai sacerdoti, ai confessori. E si riferiva al fatto che talvolta ci può essere in qualcuno un eccesso di curiosità, una curiosità un po' malata.

Una volta ho sentito di una donna, sposata da anni, che non si confessava più perché quando era una ragazza di 13 o 14 anni il confessore le aveva domandato dove metteva le mani quando dormiva.

Ci può essere un eccesso di curiosità, in materia sessuale, soprattutto. Oppure un'insistenza nel far esplicitare particolari che non sono necessari. Colui che si confessa è bene che si vergogni del peccato: la vergogna è una grazia da chiedere, è un fattore buono, positivo, perché ci fa umili. Ma nel dialogo con il

confessore bisogna poter essere ascoltati, non essere interrogati. Poi il confessore dice quello che ha da dire consigliando con delicatezza.

Questo intendevo dire parlando di confessionali che non devono mai essere stanze di tortura.

Jorge Mario Bergoglio è stato un confessore severo o indulgente?

Ho sempre cercato di dedicare del tempo alle confessioni, anche da vescovo e da cardinale. Ora confesso di meno, ma mi capita di farlo ancora. A volte desidererei poter entrare in una chiesa e sedermi ancora in confessionale. Dunque, per rispondere alla domanda: io, quando ho confessato, ho sempre pensato a me stesso, ai miei peccati, al mio bisogno di misericordia e dunque ho cercato di perdonare molto.

III

CERCARE OGNI SPIRAGLIO

Che cosa serve per ottenere misericordia? È necessaria una qualche predisposizione?

Mi viene in mente questa frase: non ce la faccio più! A un certo punto tu hai bisogno di essere capito, di essere guarito, di essere risanato, perdonato. Hai bisogno di rialzarti per riprendere il cammino. Recita il Salmo: «Uno spirito contrito è sacrificio a Dio, un cuore affranto e umiliato, Dio, tu non disprezzi» (Salmo 50,19). Sant'Agostino scriveva: «Cerca nel tuo cuore ciò che è gradito a Dio. Bisogna spezzare minutamente il cuore. Temi che perisca perché frantumato? Sulla bocca del salmista tu trovi questa espressione: "Crea in me, o Dio, un cuore puro" (Salmo 50,12). Quindi deve essere distrutto il cuore impuro, perché sia creato quello puro. Quando pecchiamo dobbiamo provare dispiacere di noi stessi, perché i peccati dispiacciono a Dio. E poiché constatiamo che non siamo senza peccato, almeno in questo cerchiamo di essere simili a Dio: nel dispiacerci di ciò che dispiace a Dio» (Discorsi 19,2-3).I Padri della Chiesa insegnano che questo cuore a pezzi è l'offerta più gradita a Dio. È il segno che siamo coscienti del nostro peccato, del male compiuto, della nostra miseria, del nostro bisogno di perdono, di misericordia.

Come si fa a riconoscersi peccatori? Che cosa direbbe a qualcuno che non si sente tale?

Gli consiglierei di chiedere questa grazia! Sì, perché anche riconoscersi peccatori è una grazia. E una grazia che ti viene donata. Senza la grazia, al massimo si può arrivare a dire: sono limitato, ho i miei limiti, questi sono i miei sbagli. Ma riconoscersi peccatori è un'altra cosa. Significa mettersi davanti a Dio, che è il nostro tutto, presentandogli noi

stessi, cioè il nostro niente. Le nostre miserie, i nostri peccati. È davvero una grazia che si deve chiedere.

Don Luigi Giussani citava questo esempio traendolo dal romanzo di Bruce Marshall A ogni uomo un soldo. Il protagonista del libro, l'abate Gaston, doveva confessare un giovane soldato tedesco che i partigiani francesi stavano per condannare a morte. Il soldato aveva confessato la sua passione per le donne e le tante avventure amorose che aveva avuto. L'abate aveva spiegato che doveva pentirsi. E lui: «Come faccio a pentirmi? Era una cosa che mi piaceva, se ne avessi l'occasione lo farti anche adesso. Come faccio a pentirmi?». Allora all'abate Gastoti, che voleva assolvere quel penitente ormai in punto di morte, era venuto un lampo di genio e aveva detto: «Ma a te rincresce che non ti rincresca?». E il giovane, spontaneamente, aveva risposto: «Sì, mi rincresce che non mi rincresca». Cioè mi spiace di non essere pentito. La fessura sulla porta che aveva permesso l'assoluzione...

È vero, è così. È un esempio che rappresenta bene i tentativi che Dio mette in atto per far breccia nel cuore dell'uomo, per trovare quello spiraglio che permetta l'azione della sua grazia. Lui non vuole che qualcuno si perda. La sua misericordia è infinitamente più grande del nostro peccato, la sua medicina è infinitamente più potente della malattia che deve curare in noi. C'è un prefazio della liturgia ambrosiana nel quale si legge: «Ti sei chinato sulle nostre ferite e ci hai guarito, donandoci una medicina più forte delle nostre piaghe, una misericordia più grande della nostra colpa. Così anche il peccato, in virtù del tuo invincibile amore, è servito a elevarci alla vita divina». Ripensando alla mia vita e alla mia esperienza, a quel 21 settembre 1953 quando Dio mi è venuto incontro riempiendomi di stupore, ho sempre detto che il Signore «nos primerea», cioè ci precede, ci anticipa. Credo che lo stesso si possa dire della sua misericordia divina, donata per sanare le nostre ferite, che ci anticipa. Dio ci attende, aspetta che gli concediamo soltanto quel minimo spiraglio per poter agire in noi, col suo perdono, con la sua grazia. Solo chi è stato toccato, accarezzato dalla tenerezza della misericordia, conosce veramente il Signore. Perciò ho ripetuto spesso che il luogo in cui avviene l'incontro con la misericordia di Gesù è il mio peccato. Quando si sperimenta l'abbraccio di misericordia, quando ci si lascia abbracciare, quando ci si commuove: allora la vita può cambiare, perché cerchiamo di rispondere a questo dono immenso e imprevisto, che agli occhi umani può apparire perfino "ingiusto", per quanto è sovrabbondante. Siamo di fronte a un Dio che conosce i nostri peccati, i nostri tradimenti, i nostri rinnegamenti, la nostra miseria. Eppure è lì che ci attende, per donarsi totalmente a noi, per risollevarci. Ripensando all'episodio citato nel ro-manzo di Marshall, io parto da un presupposto simile, che va nella stessa direzione. Non c'è soltanto quella massima giuridica sempre valida, secondo la quale irr dubio pro reo, cioè nel dubbio si decida sempre in favore della persona che è sottoposta a giudizio. C'è anche l'importanza del gesto. II solo fatto che una persona vada al confessionale, indica che c'è già un inizio di pentimento, anche se non è cosciente. Se

non ci fosse stato un moto iniziale, la persona non sarebbe venuta. Il suo essere lì può testimoniare il desiderio di un cambiamento. La parola è importante, esplicita il gesto. Ma il gesto stesso e importante, e talvolta può valere dl più la presenza impacciata e umile di un penitente che fa fatica a parlare, piuttosto che le tante parale di qualcuno che descrive il suo pentimento.

IV

PECCATORE, COME SIMON PIETRO

ed

Lei più volte si è definito «un peccatore». Incontrando i carcerati di Palinasola, in Bolivia, durante il viaggio del luglio 2015 in America Latina, lei lui detto: «Davanti a voi c'è un nomo perdonato dai suoi molti peccati...». Colpisce sentire un Papa che dice questo di se stesso...

Davvero? Non credo sia così fuori dal comune, anche nell'esistenza dei miei predecessori. Ho letto nella documentazione del processo di beatificazione di Paolo VI la testimonianza di uno dei suoi segretari, al quale il Papa, riecheggiando le parole che ho già citato nel suo Pensiero alla morte, aveva confidato: «Per me è sempre stato un grande mistero di Dio, che io mi trovo nella mia miseria e mi trovo davanti alla misericordia di Dio. lo sono niente, sono misero. Dio Padre mi vuole molto bene, mi vuole salvare, mi vuole togliere da questa miseria in cui mi trovo, ma io sono incapace di fare questo da me stesso. Allora manda il suo Figlio, un Figlio che porta proprio la misericordia di Dio tradotta in un atto d'amore verso di me... Ma ci vuole per questo una speciale grazia, la grazia di una conversione. lo devo riconoscere l'azione di Dio Padre nel suo Figlio verso di me. Una volta che io ho riconosciuto questo, Dio opera in me tramite suo Figlio». È una sintesi bellissima del messaggio cristiano. E che dire dell'omelia con cui Albino Luciani iniziava il suo episcopato a Vittorio Veneto, dicendo che la scelta era ricaduta su di lui perché certe cose, invece di scriverle sul bronzo o sul marmo, il Signore preferiva scriverle sulla polvere: così, se la scrittura fosse restata, sarebbe stato chiaro che il merito era tutto e solo di Dio. Lui, il vescovo, il futuro papa Giovanni Paolo 1, si definiva «la polvere». Devo dire che quando parlo di questo, penso sempre a ciò che Pietro ha detto a Gesù la domenica della sua resurrezione, quando lo ha incontrato da solo. Un incontro a cui accenna l'evangelista Luca (24, 34). Che cosa avrà detto Simone al Messia appena risorto dal sepolcro? Gli avrà detto che si sentiva un peccatore? Avrà pensato al rinnegamento, a quanto accaduto pochi giorni prima, quando per tre volte aveva finto di non conoscerlo, nel cortile della casa del Sommo Sacerdote. Avrà pensato al suo pianto amaro e pubblico. Se Pietro ha fatto questo, e se i Vangeli ci descrivono il suo peccato, il suo rinnegamento, e se nonostante tutto ciò Gesù gli ha detto «Pasci le mie pecorelle» (Vangelo di Giovanni 21,16), non credo che ci si

debba meravigliare se anche i suoi successori descrivono se stessi come "peccatori". Non è una novità. Il Papa è un uomo che ha bisogno della misericordia di Dio. L'ho detto sinceramente, anche di fronte ai carcerati di Palmasola, in Bolivia, davanti a quegli uomini e a quelle donne che mi hanno accolto con tanto calore. A loro ho ricordato che anche san Pietro e san Paolo erano stati carcerati. Ho un rapporto speciale con coloro che vivono in prigione, privati della loro libertà. Sono stato sempre molto attaccato a loro, proprio per questa coscienza del mio essere peccatore. Ogni volta che varco la porta di un carcere per una celebrazione o per una visita, mi viene sempre questo pensiero: perché loro e non io? lo dovrei essere qui, meriterei di essere qui. Le loro cadute avrebbero potuto essere le mie, non mi sento migliore di chi ho di fronte. Così mi ritrovo a ripetere e a pregare: perché lui e non io? Può scandalizzare questo, ma mi consolo con Pietro: aveva rinnegato Gesù e nonostante questo è stato scelto.

Perché siamo peccatori?

Perché c'è il peccato originale. Un dato del quale si può fare esperienza. La nostra umanità è ferita, sappiamo riconoscere il bene e il male, sappiamo che cosa è male, cerchiamo di seguire la via del bene, ma spesso cadiamo a motivo della nostra debolezza e scegliamo il male. È la conseguenza del peccato d'origine, del quale ab-biamo piena coscienza grazie alla Rivelazione. Il racconto del peccato di Adamo ed Eva, la ribellione contro Dio che leggiamo nel Libro della Genesi, si serve di un linguaggio immaginifico per esporre qualcosa di realmente accaduto alle origini dell'umanità.

Il Padre ha sacrificato suo Figlio, Gesù si è abbassato, ha accettato di farsi torturare, crocifiggere e annientare per redimerci dal peccato, per sanare quella ferita. Così quella colpa dei nostri progenitori è celebrata come fehx culpa nel canto dell'Exultet, che la Chiesa innalza durante la celebrazione più importante dell'anno, quella della notte di Pasqua: colpa "felice" perché ha meritato una tale redenzione.

Che consigli darebbe a un penitente per una buona confessione?

Che pensi alla verità della sua vita davanti a Dio, che cosa sente, che cosa pensa. Che sappia guardare con sincerità a se stesso e al suo peccato. E che si senta peccatore, che si lasci sorprendere, stupire da Dio. Perché lui ci riempia con il dono della sua misericordia infinita dobbiamo avvertire il nostro bisogno, il nostro vuoto, la nostra miseria. Non possiamo essere superbi. Mi viene in mente il racconto che mi fece una volta un dirigente argentino, che conoscevo. Aveva un collega che appariva molto impegnato nella vita cristiana: recitava il rosario, faceva letture spirituali, eccetera. Un giorno gli aveva confidato, eri passant, come niente fosse, di avere una relazione con la propria domestica. E gli aveva fatto intendere di considerare la cosa come normale, perché - diceva - queste persone, cioè i dome-

stici, in fondo erano lì anche «per questo». Il mio amico si era scandalizzato, perché il collega in sostanza gli stava dicendo di credere nell'esistenza di esseri umani superiori e inferiori: questi ultimi destinati a venire sfruttati e "usati", come quella domestica. Rimasi colpito da quell'esempio: nonostante tutte le obiezioni che gli venivano rivolte, quell'uomo rimaneva della sua idea, senza lasciarsi scalfire. E continuava a considerarsi un buon cristiano perché pregava, faceva buone letture spirituali ogni giorno e andava a messa la domenica. Ecco un caso di superbia, il contrario di quel cuore a pezzi di cui parlano i Padri della Chiesa.

E che consigli si sentirebbe invece di dare a un sacerdote che le chiedesse: come faccio a essere un buon confessore?

Credo di avere in parte già risposto con quanto abbiamo detto. Che pensi ai suoi peccati, che ascolti con tenerezza, che preghi il Signore di dargli un cuore misericordioso come il Suo, che non scagli mai la prima pietra perché anche lui è un peccatore bisognoso di perdono. E che cerchi di assomigliare a Dio nella sua misericordia. Questo mi viene di dire. Dobbiamo andare con la mente e con il cuore alla parabola del "figliol prodigo", il più giovane dei due fratelli, che avuta la sua parte di eredità dal padre aveva dilapidato tutto conducendo una vita dissoluta e per sopravvivere si era ritrovato a pascolare i porci. Riconosciuto il suo errore, era tornato a casa per chiedere al padre di ammetterlo almeno tra i suoi servi, ma il padre che lo aspettava, che scrutava l'orizzonte attendendolo, gli va incontro e ancor prima che il figlio dica qualcosa, prima che ammetta i suoi peccati, lo abbraccia. Questo è l'amore di Dio, questa è la sua sovrabbondante misericordia. C'è una cosa da meditare, l'atteggiamento del figlio maggiore, quello che era rimasto a casa a lavorare con il padre, quello che sl era sempre comportato bene. Lui, quando prende la parola, è l'unico che, in fondo, dice la verità: «Ecco, io ti servo da tanti anni e non ho mai disobbedito a un tuo comando, e tu non mi hai mai dato un capretto per far festa con i miei amici. Ma ora che è tornato questo tuo figlio, il quale ha divorato le tue sostanze con le prostitute, per lui hai ammazzato il vitello grasso» (Vangelo di Luca 15, 29-30). Dice la verità, ma allo stesso tempo si auto-esclude.

V

TROPPA MISERICORDIA?

Qualche anno fa, in una scuola del Nord Italia, un'insegnante di religione ha spiegato nella sua classe la parabola del "figliol prodigo", poi ha chiesto ai ragazzi di scrivere un tema libero, ripercorrendo il racconto appena ascoltato. Il finale scelto dalla stragrande maggioraunza degli alunni è stato pesto: il padre riceve il "figliol prodigo", lo punisce

severamente e lo fa vivere con i suoi servi. Così impara a sperperare tutte le ricchezze di famiglia...

Ma questa è una reazione umana. La reazione del figlio maggiore è umana. Invece la misericordia di Dio è divina.

Come si affronta il complesso del figlio maggiore della parabola? Si sente talvolta dire, anche nella Chiesa: troppa misericordia! La Chiesa deve condannare il peccato...

La Chiesa condanna il peccato perché deve dire la verità: questo è un peccato. Ma allo stesso tempo abbraccia il peccatore che si riconosce tale, lo avvicina, gli parla della misericordia infinita di Dio. Gesù ha perdonato persino quelli che lo hanno messo in croce e lo hanno disprezzato. Dobbiamo tornare al Vangelo. Là troviamo che non si parla solo di accoglienza e di perdono, ma si parla di '1csta" per il figlio che ritorna. L'espressione della misericordia è la gioia della festa, che troviamo bene espressa nel Vangelo di Luca: «Ci sarà più gioia in cielo per un peccatore convertito che per novantanove giusti che non hanno bisogno di conversione» (15,7). Non dice: e se poi dovesse ricadere, tornare indietro, compiere ancora peccati, che si arrangi da solo! No, perché a Pietro che gli domandava quante volte bisogna perdonare, Gesù ha detto: «Settanta volte sette» (Vangelo di Matteo 18, 22), cioè sempre. Al figlio maggiore del padre misericordioso è stato permesso di dire la verità di quanto accaduto, anche se non capiva, anche perché l'altro fratello, quando ha cominciato ad accusarsi, non ha avuto il tempo di parlare: il padre l'ha fermato e lo ha abbracciato. Proprio perché c'è il peccato nel mondo, proprio perché la nostra natura umana è ferita dal peccato originale, Dio che ha donato suo Figlio per noi non può che rivelarsi come misericordia. Dio è un padre premuroso, attento, pronto ad accogliere qualsiasi persona che muova un passo o che abbia il desiderio di muovere un passo verso casa. Lui è lì a scrutare l'orizzonte, ci attende, ci sta già aspettando. Nessun peccato umano per quanto grave può prevalere sulla misericordia o limitarla. Ve-scovo di Vittorio Veneto da qualche anno, Albino Luciani tenne degli esercizi ai sacerdoti e commentando la Parabola del "figliol prodigo" disse a proposito del Padre: «Lui aspetta. Sempre. E non è mai troppo tardi. È così, è fatto così... è Padre. Un padre che aspetta sulla porta. Che ci scorge quando ancora siamo lontano, e s'intenerisce, e correndo viene a gettarsi al nostro collo e a baciarci teneramente... II nostro peccato allora diventa quasi un gioiello che gli possiamo regalare per procurargli la consolazione di perdonare... Si fa i signori, quando si regalano gioielli, e non è sconfitta, ma gioiosa vittoria lasciar vincere Dio!».

Seguendo il Signore, la Chiesa è chiamata a effondere la sua misericordia su tutti coloro che si riconoscono peccatori, responsabili del male compiuto, che si sentono bisognosi di perdono. La Chiesa non è al mondo per condannare, ma per permettere l'incontro con quell'amore viscerale che è la misericordia di Dio. Perché ciò accada, lo ripeto spesso, è necessario uscire. Uscire dalle chiese e dalle parrocchie, uscire e

andare a cercare le persone là dove vivono, dove soffrono, dove sperano. L'ospedale da campo, l'immagine con la quale mi piace descrivere questa "Chiesa in uscita", ha la caratteristica di sorgere là dove si combatte: non è la struttura solida, dotata di tutto, dove ci si va a curare per le piccole e grandi infermità. È una struttura mobile, di primo soccorso, di pronto intervento, per evitare che i combattenti muoiano. Vi si pratica la medicina d'urgenza, non si fanno i check-up specialistici. Spero che il Giu-bileo straordinario faccia emergere sempre di più il volto di una Chiesa che riscopre le viscere materne della misericordia e che va incontro ai tanti "feriti" bisognosi di ascolto, comprensione, perdono e amore.

Ci può essere misericordia senza il riconoscimento del proprio peccato?

La misericordia c'è, ma se tu non vuoi riceverla... Se non ti riconosci peccatore vuol dire che non la vuoi ricevere, vuol dire che non ne senti il bisogno. A volte puoi aver difficoltà a capire che cosa ti è accaduto. A volte puoi essere sfiduciato, credere che non sia possibile rialzarsi. Oppure preferisci le tue ferite, le ferite del peccato, e fai come il cane: le lecchi con la lingua, ti lecchi le ferite. Questa è una malattia narcisista che porta l'amarezza. C'è un piacere nell'amarezza, un piacere ammalato.

Se non partiamo dalla nostra miseria, se rimaniamo perduti, se disperiamo della possibilità di essere perdonati, finiamo col leccarci le ferite che restano aperte e non guariscono mai. Invece la medicina c'è, la guarigione c'è, se soltanto muoviamo un piccolo passo verso Dio o abbiamo almeno il desiderio di muoverlo. Basta un minimo spiraglio, basta prendere sul serio la propria condizione. È importante anche conservare la memoria, ricordarci da dove veniamo, che cosa siamo, il nostro niente. È importante non crederci autosufficienti.

Santa Teresa d'Avila metteva in guardia le consorelle dalla vanità e dall'autosufficienza. Quando sentiva dire «Mi hanno fatto questo senza ragione», commentava: «Dio ci liberi dalle cattive ragioni. Colei che non ha voluto portare la sua croce non so perché sta in monastero». Nessuno di noi può parlare di ingiustizia se pensa alle tante ingiustizie che ha commesso lui stesso davanti a Dio. Non dobbiamo mai perdere la memoria delle nostre origini, del fango da cui siamo stati tratti e questo vale anzitutto per i consacrati.

Che cosa pensa di chi confessa sempre gli stessi leccati?

Se si intende la ripetizione quasi automatica di un formulario, direi che il penitente non è ben preparato, non è stato ben catechizzato, non sa fare l'esame di coscienza, e non conosce tanti peccati che si commettono e dei quali lui non si accorge... A me piace molto la confessione dei bambini, perché loro non sono astratti, dicono come è successa la cosa. Fanno sorridere. Sono semplici: dicono ciò che è accaduto, sanno che quello che hanno fatto è male.

Se c'è una ripetitività che diventa abitudine è come se non si riuscisse a crescere nella conoscenza di se stessi e del Signore; è come non riconoscere di aver peccato, di avere delle ferite da guarire. La confessione come routine è un po' l'esempio della tintoria che facevo prima. Quanta gente ferita, anche psicologicamente, che non riconosce di esserlo. Questo lo direi pensando a chi si confessa con il formulario...

Un'altra cosa è chi ricade nello stesso peccato e ne soffre, chi fa fatica a rialzarsi. Ci sono tante persone umili che confessano le loro ricadute. L'importante, nella vita di ogni uomo e di ogni donna, non è il non cadere mai lungo il percorso. L'importante è rialzarsi sempre, non rimanere a terra a leccarsi le ferite. Il Signore della misericordia mi perdona sempre, dunque mi offre la possibilità di ricominciare sempre. Mi ama per ciò che sono, vuole risollevarmi, mi tende la Sua mano. Questo ì, anche un compito della Chiesa: far percepire alle persone che non ci sono situazioni dalle quali non si può riemergere, che finché siamo vivi è sempre possibile ricominciare, se soltanto permettiamo a Gesù di abbracciarci e di perdonarci.

Al tempo in cui ero rettore del Collegio Massimo dei Gesuiti e parroco in Argentina, ricordo una madre che aveva dei bambini piccoli ed era stata abbandonata dal marito. Non aveva un lavoro fisso, riusciva a trovare dei lavori saltuari soltanto qualche mese all'anno. Quando non trovava lavoro, per dar da mangiare ai suoi bambini faceva la prostituta. Era umile, frequentava la parrocchia, cercavamo di aiutarla con la Caritas. Ricordo che un giorno - eravamo nel periodo delle festività natalizie - è venuta con i figli al Collegio e ha chiesto di me. Mi hanno chiamato e sono andato a riceverla. Era lì per ringraziarmi. Io credevo che fosse per il pacco con i generi alimentari della Caritas che le avevamo inviato: «Lo ha ricevuto?», le ho chiesto. E lei: «Sì, sì, la ringrazio anche per quello. Ma io sono venuta qui a ringraziarla soprattutto perché lei non ha mai smesso di chiamarmi "signora"». Sono esperienze dalle quali uno impara quanto sia importante accogliere con delicatezza chi si ha di fronte, non ferire la sua dignità. Per lei il fatto che il parroco, pur intuendo la vita che conduceva nei mesi in cui non poteva lavorare, continuasse a chiamarla "signora" era importante tanto quanto, o forse di più, quell'aiuto concreto che le davamo.

Posso chiederle qual è la sua esperienza di confessore con le persone omosessuali? È rimasta famosa quella sua frase durante la conferenza stampa sul volo di ritorno da Rio de Janeiro, «Chi sono io per giudicare?».

Avevo detto in quella occasione: se una persona è gay, cerca il Signore e ha buona volontà, chi sono io per giudicarla? Avevo parafrasato a memoria il Catechismo della Chiesa cattolica, dove si spiega che queste persone vanno trattate con delicatezza e non si devono emarginare. Innanzitutto mi piace che si parli di "persone omosessuali": prima c'è la persona, nella sua interezza e dignità. E la persona non è definita soltanto dalla sua tendenza sessuale: non dimentichiamoci che siamo tutti creature amate da Dio, destinatarie del suo infinito amore. lo preferisco che le persone omosessuali

vengano a confessarsi, che restino vicine al Signore, che si possa pregare insieme. Puoi consigliare loro la preghiera, la buona volontà, indicare la strada, accompagnarle.

Ci può essere opposizione tra verità e misericordia o tra dottrina e misericordia?

Rispondo così: la misericordia è vera, è il primo attributo di Dio. Poi si possono fare delle riflessioni teologiche su dottrina e misericordia, ma senza dimenticare che la misericordia è dottrina. Tuttavia io amo piuttosto dire: la misericordia è vera. Quando Gesù si trova di fronte all'adultera e alla gente che era pronta a lapidarla applicando la legge mosaica, si ferma e scrive sulla sabbia. Non sappiamo che cosa abbia scritto, il Vangelo non lo dice, ma tutti quelli che erano lì, pronti a scagliare la loro pietra, la lasciano cadere e uno dopo l'altro se ne vanno. Rimane solo la donna, ancora impaurita dopo essere stata a un soffio dalla morte. A lei Gesù dice: «Ne-anch'io ti condanno, va' e non peccare più». Non sappiamo come sia stata la sua vita dopo quell'incontro, dopo quell'intervento e quelle parole di Gesù. Sappiamo che è stata perdonata. Sappiamo che Gesù dice che bisogna perdonare settanta volte sette: l'importante è tornare spesso alle fonti della misericordia e della grazia.

Perché lei, commentando il Vangelo nelle omelie mattutine a Santa Marta, parla così spesso dei «dottori della Legge»? Quale atteggiamento rappresentano?

È un atteggiamento che troviamo descritto in tanti episodi del Vangelo: sono i principali oppositori di Gesù, quelli che lo sfidano in nome della dottrina. È un atteggiamento che ritroviamo anche lungo tutta la storia della Chiesa.

Durante un'assemblea dell'episcopato italiano, un confratello vescovo ha citato un'espressione tratta dal De Abraham di sant'Ambrogio: «Dove si tratta di elargire la grazia, là Cristo è presente; quando si deve esercitare il rigore, sono presenti solo i ministri, ma Cristo è assente». Pensiamo a tante tendenze del passato che riemergono sotto altre forme: i catari, i pelagiani che giustificano se stessi per le loro opere e per il loro sforzo volontaristico, atteggiamento quest'ultimo già contrastato in maniera molto limpida nel testo della Lettera ai Romani di Paolo. Pensiamo allo gnosticismo, che porta quella spiritualità soft, senza incarnazione. Giovanni è molto chiaro su questo: chi nega che Cristo è venuto nella carne è l'anticristo. Ripenso sempre al brano del Vangelo di Marco (1, 40-45) dove viene descritta la guarigione del lebbroso da parte di Gesù. Ancora una volta, come in tante altre pagine evangeliche, vediamo che Gesù non resta indifferente, ma prova compassione, si lascia coinvolgere e ferire dal dolore, dalla malattia, dal bisogno di chi incontra. Non si tira indietro. La legge di Mosè stabiliva l'esclusione dalla città per il malato di lebbra, che doveva rimanere fuori dall'accampamento (Levitico 13,45-46), in luoghi deserti, emarginato e dichiarato impuro. Alla sofferenza della malattia si aggiungeva l'esclusione, l'emarginazione, la solitudine. Proviamo a immaginare quale carico di sofferenza e vergogna doveva portare il malato di lebbra, che si sentiva non soltanto

vittima della malattia, ma anche colpevole, punito per i suoi peccati. La Legge che portava a emarginare senza pietà il lebbroso aveva come scopo di evitare il contagio: bisognava proteggere i sani.

Gesù si muove secondo un'altra logica. A suo rischio e pericolo si avvicina al lebbroso, lo reintegra, lo guarisce. E così ci fa scoprire un nuovo orizzonte, quello della logica di un Dio che è amore, un Dio che vuole la salvezza di tutti gli uomini. Gesù ha toccato il lebbroso, l'ha reintegrato nella comunità. Non si è fermato a studiare a tavolino la situazione, non ha chiesto agli esperti i pro e i contro. Per Lui quello che conta davvero e raggiungere i lontani e salvarli, come il Buon Pastore che lascia il gregge per andare a recuperare la pecorella smarrita. Allora, come oggi, questa logica e

questo atteggiamento possono scandalizzare, provocano il mugugna di chi è abituato sempre e soltanto, a far entrare tutto nei propri schemi mentali e nella propria purità ritualistica, anziché lasciarsi sorprendere dalla realtà, da un amore e da una misura più grandi. Gesù va a sanare e a integrare gli emarginati che stanno fuori dalla città, fuori dall'accampamento. Così facendo indica a noi la strada. In questo brano evangelico ci troviamo di fronte a due logiche di p4ensiero e di fede. Da una parte, la paura di perdere i giusti, i salvati, le pecore che sono già dentro all'ovile, al sicuro. Dall'altra, il desiderio di salvare i peccatori, i perduti, quelli che stanno fuori dal recinto. La prima è 1a logica dei dottori della Legge, la seconda è la logica di Dio che accoglie, abbraccia, trasfigura il male in bene, trasforma e redime il mio peccato, tramuta la condanna in salvezza. Gesù entra in contatto con il lebbroso, lo tocca. Così facendo insegna a noi come fare, quale logica seguire, di fronte alle persone che soffrono nel fisico e nello spirito. Abbiamo questo esempio da seguire, vincendo pregiudizi e rigidezze, così come si trovarono a fare gli apostoli agli albori della Chiesa, quando dovettero vincere, ad esempio, le resistenze di coloro che esigevano l'osservanza incondizionata della legge di Mosè anche da parte dei pagani convertiti.

E che ne è del rischio di "contagio", del rischio di lasciarsi contaminare?

Bisogna entrare nel buio, nella notte che attraversano tanti nostri fratelli. Essere capaci di entrare in contatto con loro, di far sentire la nostra vicinanza, senza lasciarci avvolgere e condizionare da quel buio. Andare verso gli emarginati, verso i peccatori, non significa permettere ai lupi di entrare nel gregge. Significa cercare di raggiungere tutti testimoniando la misericordia, quella che abbiamo sperimentato noi per primi, senza mai cadere nella tentazione di sentirci i giusti o i perfetti. Quanto è più viva la consapevolezza della nostra miseria e del nostro peccato, quanto più sperimentiamo l'amore e l'infinita misericordia di Dio su di noi, tanto più siamo capaci di stare di fronte ai tanti "feriti" che incontriamo sulla nostra strada con uno sguardo di accoglienza e di misericordia. E, quindi, evitando l'atteggiamento di chi giudica e condanna dall'alto della propria sicurezza, cercando le pagliuzze nell'occhio altrui senza mai accorgersi della trave che ha nel proprio. Ricordiamoci sempre che il nostro Dio fa più festa per un

peccatore che ritorna all'ovile, che per novantanove giusti che non hanno bisogno di conversione.

Quando qualcuno comincia a scoprirsi ammalato nell'anima, quando lo Spirito Santo - cioè la Grazia di Dio - agisce e muove il cuore verso un iniziale riconoscimento del proprio peccato, deve trovare le porte aperte, non chiuse. Deve trovare accoglienza, non giudizio, pregiudizio o condanna. Deve essere aiutato, non respinto o tenuto ai margini. A volte c'è il rischio che i cristiani, con la loro psicologia di dottori della Legge, spen-gano ciò che lo Spirito Santo accende nel cuore di un peccatore, di qualcuno che sta sulla soglia, di .qualcuno che comincia ad avvertire la nostalgia di Ilio. Vorrei però notare un altro atteggiamento dei dottori della Legge, per dire come in loro spesso vi sia ipocrisia, un'adesione formale alla Legge che nasconde ferite molto profonde. Gesù usa parole molto dure, li definisce «sepolcri imbiancati», osservanti solo all'esterno, ma dentro, nell'interiorità... ipocriti. Uomini che vivevano attaccati alla lettera della Legge, ma che trascuravano l'amore, uomini che sapevano soltanto chiudere le porte e segnare i confini. Il capitolo 23 del Vangelo di Matteo è molto chiaro, dobbiamo tornare lì per comprendere che cosa sia la Chiesa e che cosa non debba mai essere. Si descrive l'atteggiamento di coloro che legano pesanti fardelli e li impongono sulle spalle della gente, ma loro non vogliono muoverli neppure con un dito; sono coloro che amano i primi posti, che desiderano essere chiamati maestri. All'origine di questi atteggiamenti c'è il venir meno dello stupore di fronte alla salvezza che ti è stata donata. Quando uno si sente un po' più sicuro, inizia a impossessarsi di facoltà che non sono sue, ma del Signore. Lo stupore comincia a degradarsi, e questo è alla base del clericalismo o dell'atteggiamento di coloro che si sentono puri. L'adesione formale alle regole, ai nostri schemi mentali, prevale. Lo stupore degrada, crediamo di poter fare da soli, di essere noi i protagonisti. E se uno è un ministro di Dio, finisce per credersi separato dal popolo, padrone della dottrina, titolare di un potere, chiuso alle sorprese di Dio. La "degradazione dello stupore" è un'espressione che a me dice tanto. A volte mi sono sorpreso a pensare che ad alcune persone tanto rigide farebbe bene una scivolata, perché così, riconoscendosi peccatori, incontrerebbero Gesù. Mi tornano alla mente le parole del servo di Dio Giovanni Paolo 1, che durante un'udienza del mercoledì disse: <AI Signore ama tanto l'umiltà che, a volte, permette dei peccati gravi. Perché? Perché quelli che li hanno commessi, questi peccati, dopo che si sono pentiti, restino umili. Non vien voglia di credersi dei mezzi angeli, quando si sa di aver commesso delle mancanze gravi». E pochi giorni dopo, in un'altra occasione, lo stesso papa Luciani aveva ricordato che san Francesco di Sales parlava delle «nostre care imperfezioni»: «Dio detesta le mancanze, perché sono mancanze. D'altra parte, però, in un certo senso, ama le mancanze in quanto danno l'occasione a Lui di mostrare la sua misericordia e a noi di restare umili e di capire e di compatire le mancanze del prossimo».

Lei ha citato più volte esempi e atteggiamenti di chiusura: che cos'è che allontana le persone dalla Chiesa?

Proprio in questi giorni ho ricevuto l'e-mail di una signora che abita in una città dell'Argentina. Mi racconta che vent'anni fa si era rivolta al tribunale ecclesiastico per iniziare il processo di nullità matrimoniale. Le ragioni erano serie e fondate. Un sacerdote le aveva detto che si poteva procedere senza problemi, perché si trattava di un caso molto chiaro per quanto riguarda l'accertamento delle cause di nullità. Ma per prima cosa, ricevendola, le aveva chiesto di pagare cinquemila dollari. Lei si è scandalizzata, ha lasciato la Chiesa. L'ho chiamata al telefono, ho parlato con lei. Mi ha raccontato di aver avuto due figlie che s'impegnano tanto in parrocchia. E mi ha parlato di un caso appena accaduto nella sua città: un neonato di pochi giorni è morto senza battesimo, in una clinica. Il prete non ha lasciato entrare in chiesa i genitori con la bara del piccolo, ha voluto che si fermassero sulla porta, perché il bambino non era battezzato e, dunque, non poteva procedere oltre la soglia. Quando la gente si trova di fronte a questi brutti esempi, in cui vede prevalere l'interesse o la poca misericordia e la chiusura, si scandalizza.

Ne1l'esortazione Evangelii gaudium lei ha scritto: «Un piccolo passo, in mezzo a grandi limiti umani, può essere più gradito a Dio della vita esteriormente corretta di chi trascorre i suoi giorni senza fronteggiare importanti difficoltà». Che cosa significa?

Mi sembra piuttosto chiaro. Questa è dottrina cattolica, fa parte della grande legge della Chiesa, che è quella dell'et et e non quella dell'aut aut. Per alcune persone, per la condizione in cui si trovano, per il dramma umano che stanno vivendo, un piccolo passo, un piccolo cambiamento vale moltissimo agli occhi di Dio. Ricordo una volta l'incontro con una ragazza all'ingresso di un santuario. Era bella e sorridente. Mi ha detto: «Sono contenta, padre, vengo a ringraziare la Madonna per una grazia ricevuta». Era la più grande dei suoi fratelli, non aveva il papà e per aiutare a mantenere la fa-miglia si prostituiva: «Non c'era altro lavoro nel mio villaggio...». Mi ha raccontato che un giorno nel postribolo è arrivato un uomo. Si trovava lì per lavoro, veniva da una grande città. Si sono piaciuti e alla fine lui le ha proposto di seguirlo. Per tanto tempo lei si era rivolta alla Madonna chiedendole di darle un lavoro che le permettesse di cambiare vita. Era tutta felice di poter smettere di fare ciò che faceva. Io le ho fatto due domande: la prima riguardava l'età dell'uomo che aveva incontrato. Cercavo di sincerarmi che non si trattasse di una persona anziana che volesse soltanto sfruttarla. Mi disse che era giovane. E poi le ho chiesto: «E ti sposerai?». E lei: «Io vorrei, ma non oso ancora chiederglielo per paura di spaventarlo...». Era così felice di poter lasciare quel mondo dove aveva vissuto per mantenere la famiglia.

Un altro esempio di gesto all'apparenza piccolo, ma grande agli occhi di Dio, è quello che fanno tante mamme e spose, che il sabato o la domenica fanno la coda all'ingresso delle carceri per portare cibo e regali ai figli o ai mariti prigionieri. Si sottopongono

all'umiliazione delle perquisizioni. Non rinnegano i loro figli o i loro mariti che hanno sbagliato, vanno a visitarli. Quel gesto in apparenza così piccolo è tanto grande agli occhi di Dio. È un gesto di misericordia, nonostante gli errori commessi dai loro cari.

VII

PECCATORI SI, CORROTTI NO

Nella Bolla di indizione dell'Anno Santo della Misericordia lei ha scritto: «Se Dio si fermasse alla giustizia cesserebbe di essere Dio, sarebbe come tutti gli uomini che invocano il rispetto della legge. La giustizia da sola non basta, e l'esperienza insegna che appellarsi solo a essa rischia di distruggerla». Che rapporto c'è tra misericordia e giustizia?

Nel Libro della Sapienza (12,18-19) leggiamo: «Padrone della forza, tu giudichi con mitezza e ci governi con molta indulgenza [... ]. Con tale modo di agire hai insegnato al tuo popolo che il giusto deve amare gli uomini, e hai dato ai tuoi figli la buona speranza che, dopo i peccati, tu concedi il pentimento». La misericordia è un elemento importante, anzi indispensabile nei rapporti tra gli uomini, perché vi sia fratellanza. La sola misura della giustizia non basta. Con la misericordia e il perdono Dio va oltre la giustizia, la ingloba e la supera in un evento superiore nel quale si sperimenta l'amore, che è a fondamento di una vera giustizia.

La misericordia ha anche una valenza pubblica? Che riverbero può avere nella vita sociale?

Eh sì. Ce l'ha. Pensiamo al Piemonte della fine dell'Ottocento, alle Case della misericordia, ai santi della misericordia, il Cottolengo, don Bosco... Il Cottolengo con gli ammalati, don Cafasso che andava alla forca ad accompagnare i condannati. Pen-siamo a che cosa significano oggi le opere iniziate dalla beata Madre Teresa di Calcutta, qualcosa che va contro tutti i calcoli umani: dare la vita per aiutare anziani e ammalati, aiutare i più poveri tra i poveri a morire degnamente in un letto pulito. Questo viene da Dio. Il cristianesimo ha assunto l'eredità della tradizione ebraica, l'insegnamento dei profeti sulla protezione dell'orfano, della vedova e dello straniero. La misericordia e il perdono sono importanti anche nei rapporti sociali e nelle relazioni tra gli Stati. San Giovanni Paolo II, nel messaggio per la Giornata mondiale della pace del 2002, all'indomani degli attacchi terroristici negli Stati Uniti, aveva affermato che non c'è giustizia senza perdono, e che la capacità di perdono sta alla base di ogni progetto di una società futura più giusta e solidale. Il mancato perdono, il rifarsi alla legge dell`occhio per occhio, dente per dente" rischia di alimentare una spirale di conflitti senza fine.

Posso chiederle come si concilia la giustizia terrena coti la misericordia, soprattutto nei casi di chi si è macchiato di gravi colpe c di reati terribili?

Anche nella giustizia terrena, nelle norme giudiziarie, si sta facendo strada una consapevolezza nuova. Abbiamo già citato in un altro momento di questa conversazione la norma in dubio pro reo. Pensiamo a quanto è cresciuta la coscienza mondiale nel rifiuto della pena di morte. Pensiamo a quanto si sta cercando di fare per il reinserimento sociale dei carcerati, affinché chi ha sbagliato, dopo aver pagato il suo debito con la giustizia, possa trovare più facilmente un lavoro e non restare ai margini della società.

Ho usato una croce pastorale di legno d'ulivo realizzata da un laboratorio di falegnameria che fa parte di un progetto d'inserimento di detenuti ed ex tossicodipendenti. So di alcune iniziative positive di lavoro all'interno delle carceri. La misericordia divina contagia l'umanità. Gesù era Dio ma era anche uomo, e nella sua persona troviamo anche la misericordia umana. Con la misericordia la giustizia è più giusta, realizza davvero se stessa. Questo non significa essere di manica larga, nel senso di spalancare le porte delle carceri a chi si è, macchiato di reati gravi. Significa che dobbiamo aiutare a non rimanere a terra coloro che sono caduti. È difficile metterlo in pratica, perché a volte preferiamo rinchiudere qualcuno in un carcere per tutta la vita, piuttosto che cercare di recuperarlo, aiutandolo a reinserirsi nella società.

Dio perdona tutto, offre una nuova possibilità a tutti, effonde la sua misericordia su tutti coloro che la chiedono. Siamo noi a non saper perdonare.

Lei ha detto durante un'omelia in Salita Marta: «Peccatori sì, corrotti no!». Che differenza c'è tra peccato e corruzione?

La corruzione è il peccato che invece di essere riconosciuto come tale e di renderci umili, viene elevato a sistema, diventa un abito mentale, un modo di vivere. Non ci sentiamo più bisognosi di perdono e di misericordia, ma giustifichiamo noi stessi e i nostri comportamenti. Gesù dice ai suoi discepoli: se anche un tuo fratello ti offende sette volte al giorno e sette volte al giorno torna da te a chiederti perdono, tu perdonalo. Il peccatore pentito, che poi cade e ricade nel peccato a motivo del la sua debolezza, trova nuovamente perdono, se si riconosce bisognoso di misericordia. II corrotto, invece, è colui che pecca e non si pente, colui che pecca e finge di essere cristiano, e con la sua doppia vita dà scandalo.

Il corrotto non conosce l'umiltà, non si ritiene bisognoso di aiuto, conduce una doppia vita. Nel 1991 avevo dedicato a questo tema un lungo articolo, pubblicato come piccolo libro Corrupción y pecado (nella versione italiana Guarire dalla corruzione, N.d.R.]. Non bisogna accettare lo stato di corruzione come se fosse soltanto un peccato in più: anche se spesso si identifica la corruzione con il peccato, in realtà si tratta di due realtà distinte, seppure legate tra loro. Il peccato, soprattutto se reite-

rato, può portare alla corruzione, non però quantitativamente - nel senso che un certo numero di peccati fanno un corrotto - quanto piuttosto qualitativamente: si generano abitudini che limitano la capacità di amare e portano all'autosufficienza. II corrotto si stanca di chiedere perdono e finisce per credere di non doverlo più chiedere. Non ci si trasforma di colpo in corrotti, c'è un declino lungo, nel quale si scivola e che non si identifica semplicemente con una serie di peccati. Uno può essere un grande peccatore e ciononostante può non essere caduto nella corruzione. Guardando al Vangelo penso ad esempio alle figure di Zaccheo, di Matteo, della samaritana, di Nicodemo, del buon ladrone: nel loro cuore peccatore tutti avevano qualcosa che li salvava dalla corruzione. Erano aperti al perdono, il loro cuore avvertiva la propria debolezza, e questo è stato lo spiraglio che ha fatto entrare la forza di Dio. 11 peccatore, nel riconoscersi tale, in qualche modo ammette che ciò a cui ha aderito, o aderisce, è falso. Il corrotto, invece, nasconde ciò che considera il suo vero tesoro, ciò che lo rende schiavo, e maschera il suo vizio con la buona educazione, facendo sempre in modo di salvare le apparenze.

Ancor più del peccato, la corruzione ha un significativo risvolto sociale: basta leggere le cronache dei giornali …

La corruzione non è un atto, ma una condizione, uno stato personale e sociale, nel quale uno si abitua a vivere. Il corrotto è così chiuso e appagato nella soddisfazione della sua autosufficienza che non si lascia mettere in discussione da niente e da nessuno. Ha costruito un'autostima che si fonda su atteggiamenti fraudolenti: passa la vita in mezzo alle scorciatoie dell'opportunismo, a prezzo della sua stessa dignità e di quella degli altri. Il corrotto ha sempre la faccia di chi dice: «Non sono stato io!». Quella che mia nonna chiamava «faccia da santarellino». Il corrotto è quello che s'indigna perché gli rubano il portafoglio e si lamenta per la scarsità di sicurezza che c'è nelle strade, ma poi truffa lo Stato evadendo le tasse, e magari licenzia i suoi impiegati ogni tre mesi per evitare di assumerli a tempo indeterminato oppure sfrutta il lavoro in nero. E poi si vanta pure con gli amici per queste sue furbizie. È quello che magari va a messa ogni domenica, ma non si fa alcun problema nello sfruttare la sua posizione di potere pretendendo il pagamento di tangenti. La corruzione fa perdere il pudore che custodisce la verità, la bontà, la bellezza. Il corrotto spesso non si accorge del suo stato, proprio come chi ha l'alito pesante e non se ne rende conto. E non è facile per il corrotto uscire da questa condizione per un rimorso interiore. Generalmente il Signore lo salva attraverso le grandi prove della vita, situazioni che non può evitare e che spaccano il guscio costruito poco a poco, permettendo così alla grazia di Dio di entrare.

Dobbiamo ripeterlo: peccatori sì, corrotti no! Peccatori, sì. Come diceva il pubblicano nel tempio, senza avere nemmeno il coraggio di alzare gli occhi verso il cielo. Peccatori, sì, come Pietro si riconobbe, piangendo amaramente dopo aver rinnegato Gesù. Peccatori, si. Come tanto saggiamente ci fa riconoscere la Chiesa all'inizio di ogni

messa, quando siamo invitati a batterci il petto, cioè a riconoscerci bisognosi di salvezza e di misericordia. Dobbiamo pregare in modo speciale, durante questo Giubileo, perché Dio faccia breccia anche nei cuori dei corrotti donando loro la grazia della vergogna, la grazia di riconoscersi peccatori bisognosi del Suo perdono.

Lei ha detto più volte: «Dio mai si stanca di perdonare, siamo noi che ci stanchiamo di chiedergli perdono». Perché Dio non si stanca mai di perdonarci?

Perché è Dio, perché Lui è misericordia, e perché la misericordia è il primo attributo di Dio. È il nome di Dio.

Non ci sono situazioni dalle quali non possiamo uscire, non siamo condannati ad affondare nelle sabbie mobili, dentro le quali più ci muoviamo e più andiamo giù. Gesù è lì, con la sua mano tesa, pronta ad afferrarci e a tirarci fuori dal fango, dal peccato, anche dall'abisso del male in cui siamo caduti. Dobbiamo soltanto prendere coscienza del nostro stato, essere onesti con noi stessi, non leccarci le ferite. Chiedere la grazia di riconoscerci peccatori, responsabili di quel male. Più ci riconosciamo bisognosi, più ci vergogniamo e ci umiliamo, più presto veniamo inondati dal suo abbraccio di Grazia. Gesù ci aspetta, ci precede, ci tende la mano, ha pazienza con noi. Dio è fedele.

La misericordia sarà sempre più grande di ogni peccato, nessuno può porre un limite all'amore di Dio che perdona. Se soltanto guardiamo a Lui, se soltanto alziamo lo sguardo ripiegato sul nostro io e sulle nostre ferite e lasciamo almeno uno spiraglio all'azione della sua Grazia, Gesù fa miracoli anche con il nostro peccato, con quello che siamo, con il nostro niente, con la nostra miseria.

Penso al miracolo delle nozze di Cana, il primo miracolo che a Gesù viene letteralmente "strappato" dalla Madre. Gesù trasforma l'acqua in vino,

nel migliore, quello più buono. Lo fa usando l'acqua delle giare che servivano per la purificazione rituale, per lavarsi delle proprie sporcizie spirituali. Il Signore non fa sgorgare il vino dal nulla, usa l'acqua dei vasi in cui ci si è "lavati" dai peccati, l'acqua che contiene impurità. Compie un miracolo con ciò che a noi appare impuro. Lo tra-sforma, rendendo evidente l'affermazione di Paolo apostolo nella Lettera ai Romani: «Dove abbondò il peccato, sovrabbondò la grazia» (5,20).

I Padri della Chiesa parlano di questo. Sant'Ambrogio, in particolare, dice: «La colpa ci ha giovato più di quanto non ci abbia nuociuto, poiché essa ha dato occasione alla misericordia divina di redimerci» (De institutione virginis,104). E ancora: «Dio ha preferito che ci fossero più uomini da salvare e ai quali poter perdonare il peccato, che avere soltanto l'unico Adamo, il quale restasse libero dalla colpa» (De paradiso, 47).

Come si può insegnare la misericordia ai bambini?

Abituandoli ai racconti del Vangelo, alle parabole. Dialogando con loro e, soprattutto, facendo loro sperimentare la misericordia. Facendo loro capire che nella vita si può sbagliare, ma che l'importante è rialzarsi sempre. Parlando della famiglia, ho detto che è l'ospedale più vicino: quando uno è malato ci si cura lì, finché si può. La famiglia è la prima scuola dei bambini, è il punto di riferimento imprescindibile per i giovani, è il miglior asilo per gli anziani. Aggiungo che la famiglia è anche la prima scuola della misericordia, perché si è amati e si impara ad amare, si è perdonati e si impara a perdonare.

Penso allo sguardo di una madre che si sfianca di lavoro per portare a casa il pane al figlio tossicodipendente. Lo ama, nonostante i suoi errori.

VIII

MISERICORDIA E COMPASSIONE

Quali differenze e quali affinità ci sono tra misericordia e compassione?

La misericordia è divina, ha più a che fare con il giudizio sul nostro peccato. La compassione ha un volto più umano. Significa "patire con", "patire insieme", non rimanere indifferenti al dolore e alla sofferenza altrui. È quello che Gesù sentiva quando vedeva le folle che lo seguivano. Aveva invitato gli apostoli in disparte, in un luogo deserto, scrive Marco nel suo vangelo. La folla li vide partire in barca, capì dov'erano diretti e vi si diresse a piedi, precedendoli. Gesù scese dalla barca, «vide una grande folla, ebbe compassione di loro, perché erano come pecore che non hanno pastore, e si mise a insegnare loro molte cose» (h, 34).

Pensiamo alla bellissima pagina che descrive la resurrezione del figlio della vedova di Nain, quando Gesù, arrivando in quel villaggio della Galilea, si commuove di fronte alle lacrime di questa donna, vedova, distrutta per la perdita del suo unico ragazzo. Le dice: «Donna, non piangere». Scrive Luca: «Vedendola, il Signore fu preso da grande compassione per lei» (7,13).11 Dio fatto uomo si lascia commuovere dalla miseria umana, dal nostro bisogno, dalla nostra sofferenza. Il verbo greco che indica questa compassione è splagcnizomai [splanchnizomai, N.d.R.] e deriva dalla parola che indica le viscere o l'utero materno. É simile all'amore di un padre e di una madre che si commuovono nel profondo per il proprio figlio, è un amore viscerale. Dio ci ama in questo modo con compassione e con misericordia. Gesù non guarda alla realtà dall'esterno, senza lasciarsi scalfire, come se scattasse una fotografia. Si lascia coinvolgere. Di questa compassione c'è bisogno oggi, per vincere la globalizzazione dell'indifferenza. Di questo sguardo c'è bisogno quando ci

troviamo di fronte a un povero, a un emarginato, a un peccatore. Una compassione che si nutre della consapevolezza che noi siamo altrettanto peccatori.

Quali affinità e quali differenze esistono ira la misericordia di Dio e quella degli uomini?

Questo parallelo può essere fatto per ogni virtù e per ogni attributo di Dio. Camminare sulla strada della santità significa vivere alla presenza di Dio, essere irreprensibili, porgere l'altra guancia, cioè imitare la Sua infinita misericordia. «Se uno ti costringerà ad accompagnarlo per un miglio, tu con lui fanne due» (Matteo 5,41); «A chi ti leva il mantello, non rifiutare la tunica» (Luca 6, 29); «Dà a chi ti chiede, e a chi desidera da te un prestito non voltare le spalle» (Matteo 5,42). E infine: «Amate i vostri nemici e pregate per i vostri persecutori» (Matteo 5,44). Tanti insegnamenti del Vangelo che ci aiutano a capire la sovrabbondanza della mise-ricordia, la logica di Dio.

Gesù invia i suoi non come detentori di un potere o come padroni di una legge. Li invia nel mondo chiedendo loro di vivere nella logica dell'amore e della gratuità. L'annuncio cristiano si trasmette accogliendo chi è in difficoltà, accogliendo l'escluso, l'emarginato, il peccatore. Nei Vangeli leggiamo la parabola del re e degli invitati alla festa di nozze del figlio (Matteo 22,1-14; Luca 14,15-24). Accade che non si presentano al banchetto coloro che erano stati invitati, cioè i sudditi migliori, coloro che si sentono a posto, che lasciano cadere nel vuoto l'invito, perché troppo presi dalle loro occupazioni. Così il re ordina ai suoi servi di andare nelle strade, nei crocicchi, e di radunare tutti quelli che incontrano, buoni e cattivi, per farli partecipare al banchetto.

IX

PER VIVERE IL GIUBILEO

Quali sono le esperienze più importanti che un credente dovrebbe vivere nell'Anno Santo della Misericordia?

Aprirsi alla misericordia di Dio, aprire se stesso e il proprio cuore, permettere a Gesù di venirgli incontro, accostandosi con fiducia al confessionale. E cercare di essere misericordioso con gli altri.

Le famose "opere di misericordia" della tradizione cristiana sono ancora valide per questo terzo millennio, oppure occorre ripensarle?

Sono attuali, sono valide. Forse in qualche caso si possono "tradurre" meglio, ma restano la base per il nostro esame di coscienza. Ci aiutano ad aprirci alla

misericordia di Dio, a chiedere la grazia di capire che senza misericordia la persona non può fare niente, che tu non puoi fare niente, e che «il mondo non esisterebbe» come diceva la vecchietta che incontrai nel 1992.

Guardiamo anzitutto alle sette opere di misericordia corporale: dar da mangiare agli affamati; dar da bere agli assetati; vestire chi è nudo; dare alloggio ai pellegrini; visitare gli ammalati; visitare i carcerati; seppellire i morti. Mi sembra che non ci sia molto da spiegare. E se guardiamo alla nostra situazione, alle nostre società, mi sembra che non manchino circostanze e occasioni attorno a noi. Di fronte al senzatetto che staziona sotto casa nostra, al povero che non ha da mangiare, alla famiglia dei nostri vicini che non arriva a fine mese a causa della crisi, perché il marito ha perso il lavoro, che cosa dobbiamo fare? Di fronte agli immigrati che sopravvivono alla traversata e sbarcano sulle nostre coste, come dobbiamo comportarci? Di fronte agli anziani soli, abbandonati, che non hanno più nessuno, che cosa dobbiamo fare?

Gratuitamente abbiamo ricevuto, gratuitamente diamo. Siamo chiamati a servire Gesù crocifisso, in ogni persona emarginata, a toccare la carne di Cristo in chi è escluso, ha fame, ha sete, è nudo, carcerato, ammalato, disoccupato, perseguitato, profugo. Li troviamo il nostro Dio, lì tocchiamo il Signore. Ce l'ha detto Gesù stesso, spiegando quale sarà il protocollo sulla base del quale tutti saremo giudicati: ogni qual volta avremo fatto questo al più piccolo dei nostri fratelli, l'avremo fatto a Lui (Vangelo di Matteo 25,31-46).

Alle opere di misericordia corporale seguono quelle di misericordia spirituale: consigliare i dubbiosi; insegnare agli ignoranti; ammonire i peccatori; consolare gli afflitti; perdonare le offese; sopportare pazientemente le persone moleste; pregare Dio per i vivi e per i morti. Pensiamo alle prime quattro opere di misericordia spirituale: non hanno a che fare, in fondo, con quello che abbiamo definito "l’'apostolato dell'orecchio"? Avvicinare, saper ascoltare, consigliare, insegnare anzitutto con la nostra testimonianza. Nell'accoglienza dell'emarginato che è ferito nel corpo, e nell'accoglienza del peccatore che è ferito nell'anima, si gioca la nostra credibilità come cristiani. Ricordiamo sempre le parole di san Giovanni della Croce: «Alla sera della vita, saremo giudicati sull'amore».

INDICE

Al lettore. Lo sguardo di Francesco

(Andrea Tornielli)

IL NOME DI DIO

È MISERICORDIA

I. Tempo di misericordia

II. Il dono della confessione

III. Cercare ogni spiraglio

IV Peccatore, come Simon Pietro

V Troppa misericordia?

VI. Pastori, non dottori della Legge

VII. Peccatori sì, corrotti no

VIII. Misericordia e compassione

IX. Per vivere il Giubileo


A.R.PA. Associazione Regina della Pace onlus - Via S. Alessandro, n. 26 - 23855 Pescate (LC)

Telefono /Fax 0341/368487 - Codice fiscale   92043400131


 

Site Map